Recensione a “Non lasciarmi” di Isabella Fracon

[custom_frame_center]i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime[/custom_frame_center]

Buongiorno cuplovers 🙂
oggi vi parlo di un’opera di Isabella Fracon, un racconto lungo uscito da non molto per la Collana Passioni Romantiche – Delos Digital.

Di fronte al vero amore niente è impossibile, perché quando la passione ci travolge non esistono confini che non possono essere varcati.

Non Lasciarmi è un racconto romance a sfondo storico che ci porta nelle vallate venete e vi farà fare la conoscenza di Niccolò Surian e Rubina.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / storico 01 - compulsivamente lettrice - 7 pasticcino storico sul blog letterario de le tazzine di yoko
non lasciarmi - le tazzine di yoko

Non lasciarmi

Isabella Fracon
Edito da Collana Passioni Romantiche – Delos Digital (7 ottobre 2014)
Pagine 65
€ 1,99 ebook
link diretti all’acquisto:
amzn-amazon-stock-logo

TRAMA DELL’EDITORE
Veneto 1797.
Eroe per alcuni, canaglia per altri, l’audace Niccolò Surian si è ritirato momentaneamente in campagna per prepararsi a un’ultima, pericolosa missione per salvare la Repubblica di Venezia. Ma tutti i suoi piani vengono sconvolti quando incontra Rubina, una giovane coraggiosa in fuga da un padre dispotico. Rapito dal suo volto delicato e affascinato dalla sua sensuale innocenza, Niccolò intraprenderà con lei un viaggio lungo e rischioso dal quale uscirà trasformato. Perché di fronte alla forza del vero amore non ci sono confini invalicabili.

RECENSIONE DI YOKO:
La classica lettura che si definisce “carina”… tre tazzine e mezzo.
tazzinaUPtazzinaUPtazzinaUPtazzinaMEZZAtazzinaDOWN

Non lasciarmi è un racconto che si legge bene accoccolati in una poltrona d’inverno davanti al fuoco del camino. Non ha un ritmo particolarmente sostenuto e i suoi personaggi, sopratutto Rubina, si discostano un pò dal convenzionale.

dama scuraSiamo in epoca napoleonica. La guerra chiama sul campo i soldati e il sangue versato, ma non chiama Niccolò che ha disertato e vaga senza una meta precisa per cercare di riordinare i pensieri e la sua vita lungo una strada che al momento sembra persa. E’ un ragazzo idealista, nobile, che si è scontrato col padre per portare avante le sue testarde idee filonapoleoniche, ma ora eccolo lì, segnato dai dolorosi ricordi sul campo, solo, e senza una meta.
Rubina gli capita tra capo e collo. La giovane è stata segregata dalla famiglia dopo aver rifiutato di sposare chi avevano scelto per lei, finalmente però riesce a scappare, incontra Niccolò e lo implora di portarla via con lui, per quanto sconveniente questo possa risultare.

I due personaggi che delinea la Fracon sono estramente diversi, ma sembrano trovare una specie di connessione tra loro attraverso sentimenti quali rammarico, voglia di riscatto e bisogno di trovare un posto da chiamare casa. Lui bello lei non molto, lei schietta all’inverosimile lui un pò più garbato, provengono da una diversa dimensione sociale ma tra loro c’è quasi da subito un’affinità mentale. Viaggiare insieme li porterà a fare affidamento l’uno verso l’altra, ad avere fiducia e a sviluppare quella complicità che poi diventerà anche fisica.
Loro sono il punto focale, i personaggi secondari non esistono, ci sono solo loro.

mano stoffa sfondo grigioSeppur visto così sembra che i ruoli siano stati assegnati già dopo una dozzina di pagine e l’ambientazione non presentare particoare originalità il colpo di scena nelle pagine finali stravolge tutto, capovolge il punto di vista con cui si è letta la vicenda e si apre a risvolti irreali, fiabeschi.
Ammetto che questo particolare mi ha proprio colpito e risollevato la storia, che sembrava percorrere una strada un pò troppo delineata. Non me lo aspettavo ed è stato una piacevole sorpresa.

Nel complesso ho trovato il ritmo della narrazione un po lentino, ma credo che sia stato in qualche modo voluto dalla Fracon per dare quella sensazione agrodolce al racconto che in qualche modo è arrivata.
Lo consiglio a tutti coloro che amano le fiabe.

QUALCHE INFO SULL’AUTRICE:
Appassionata e onnivora lettrice da sempre, dopo studi e anni di lavoro in altri ambiti, Isabella Fracon ha deciso di seguire il cuore e rendere i libri la sua vita. Editor, traduttrice, redattrice e blogger ha collaborato, tra l’altro, con le principali riviste nazionali di racconti femminili e con la Romance Magazine dal primo numero. Sempre per Delos Books cura la collana Passioni Romantiche, dove ha pubblicato “Non dimenticarmi”, ed é presente con “Futile e inutile” nell’antologia, a cura di Franco Forte, 365 Racconti Horror.

Share

Cosa ne pensi? Lasciaci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Comment
  • Laura Lombardozzi
    8 Febbraio, 2015

    Non so se prenderlo o meno XD

Tags