Dune: la recensione del film

Buonasera cuploverls 🥰 da quanto tempo non andate al cinema? Io, come ormai saprete bene, sono una grande appassionata di film e serie tv. Vado al cinema circa una volta a settimana, a volte anche più di una 😂Il mio film più atteso dell’anno, assieme a Eternals, era Dune, attesissimo adattamento di Villeneuve. Il 16 settembre, il giorno del debutto, mi sono letteralmente catapultata in sala.
Avevo aspettative elevate e fortunatamente non sono state deluse. Dune è un’opera curata nei minimi particolari. Villeneuve ha adattato in maniera sapiente e fedele l’opera complessa di Herbert superando la mia aspettativa dal punto di vista visivo. È un vero e proprio blockbuster d’autore. Forse non soddisferà a pieno il pubblico più avvezzo agli action movie poiché i dialoghi e le tante frasi riprese dai romanzi sono la chiave della storia. Merita sicuramente la visione in sala.

Dune

REGIA DI Denis Villeneuve
DURATA DI 155 min


Dopo oltre un anno d’attesa Dune di Denis Villeneuve è finalmente arrivato nelle sale italiane. Tra aspettative e timori che circolavano tra pubblico e critica Dune sbarca in Italia con oltre un mese d’anticipo sul mercato statunitense. Opportunità unica da sfruttare immediatamente. 

Le paure principali riguardavano l’adattamento dell’opera letteraria di Herbert, un’opera complessa e non facilmente fruibile; il giusto abbinamento di scene action e dialoghi molto importati per la trama oltre che la resa visiva. Villeneuve ha superato in ciascuno dei precedenti punti le mie aspettative realizzando una pellicola epica e memorabile. 

Dune, diversamente da quanto avvenuto a Venezia, non si apre senza l’indicazione della suddivisione in parti della saga. Il pubblico meno informato potrebbe tranquillamente pensare che la pellicola sia autoconclusiva, salvo poi ricredersi sul finale dove i dialoghi mostrano la palese volontà di proseguire la storia. Mossa furba o lesiva per Warner? Dato che il sottotitolo aveva suscitato diverse polemiche durante l’anteprima veneziana la rimozione è probabilmente sembrata la scelta giusta per evitare aspettative di sequel non ancora certi e confermati. 

Villeneuve adatta fedelmente la prima metà del primo romanzo di Il ciclo di Dune d Herbert, alcune vicende vengono anticipate, ma giustamente e con cognizione di causa. La storia e la mitologia racchiusa nel volume sono perfettamente rappresentate nel film. Villeneuve ha deciso di dedicare questa prima pellicola alla creazione del worldbuilding della saga, è un vero e proprio preambolo introduttivo. Tanti sono i concetti, i nomi e le leggende che vengono presentate nella prima ora e mezza senza che il tutto risulti pesante o opprimente. Molti aspetti vengono introdotti allo spettatore sotto forma di veri e propri filmati -che forniscono le conoscenze anche ai personaggi stessi- mentre in altri casi sono i voice over a fungere da collante. Un cambiamento da sottolineare riguarda il personaggio di Liet Kynes, planetologa/ecologa imperiale di Arrakis, interpretata da Sharon Duncan-Brewster, attrice donna che assume la parte originariamente pensata da Herbert per un personaggio maschile. Cambiamento pensato per incrementare i personaggi femminili della saga, in linea con i tempi moderni e che non priva di significato l’opera di Herbert.

Importante da segnalare è la completa fruibilità della pellicola per chi non ha mai letto la saga letteraria. Il regista fornisce tutte le conoscenze di base dell’universo di Dune e imbastisce una trama perfettamente comprensibile anche per i non amanti del genere o per coloro poco inclini ad approfondire i testi letterari. Una scelta sapiente che rende il film indipendente ed autonomo dalla carta stampata, ampliando così il pubblico di potenziali spettatori.

Paul Atreides (Timothée Chalamet) è il predestinato, colui il cui futuro è già segnato e la sua volontà è irrilevante. L’empatia con il protagonista è immediata, Chalamet è sensazionale nella parte, mostra emozioni diverse e contrastanti che si alternano di frame in frame. Da ragazzo diventa ben presto l’uomo della storia, Paul matura e cresce in pochissimo tempo così come Chalamet mostra la sua maturità artistica fin dalle prime battute. Il cast è stellare: Oscar Isaac è l’impeccabile Duca Leto, elegante ed essenziale nel ruolo; Rebecca Ferguson e Jason Momoa sono coloro che più, assieme a Chalamet, mi hanno convinto e sorpreso. 

La Ferguson incarna in maniera iper dettagliata Lady Jessica, la sua espressività e l’alternanza tra paura, panico e fermezza d’animo sono i tratti distintivi della Bene Gesserit fatti magistralmente propri dell’attrice. Jessica ama la sua famiglia, ma si sente ancorata alla via delle Bene Gesserit, ha paura di ciò che sta per accadere ed è straziata dal dolore. Solo nella fede verso il suo credo ed in suo figlio trova le forze per proseguire il suo cammino. Chi potrebbe ritenere Lady Jessica un personaggio debole sta commettendo un grosso errore, è uno dei più coraggiosi e forti della saga. 

Jason Momoa convince e sorprende nel ruolo di Duncan Idaho, forse perché diretto in maniera accurata da Villeneuve che ha spinto l’attore a immergersi completamente nella parte evitando di emulare se stesso. Duncan infatti è uno dei personaggi più interessanti della saga e Momoa regala quella che probabilmente è la sua migliore interpretazione cinematografica. 

Dune merita la sala cinematografica. Per resa visiva, ambientazione naturale ed effetti speciali, solo il grande schermo può rendere giustizia all’opera di Villeneuve. I dettagli su cui il regista si sofferma sono curati in ogni minimo pixel, l’attenzione ai particolari è strabiliate. Sulla spezia, le creature e le tecniche di combattimento è stata posta frequentemente l’attenzione della camera, regalando riprese che si soffermano sui più piccoli dettagli. La fotografia è stupefacente, l’alternanza tra colori caldi e seppiati e toni più freddi ed oscuri ben si adatta con i paesaggi asfissianti di Arrakis o alle dimore rigide e cupe di casa Harkonnen. 

Il ritmo della narrazione non è serrato, ne incalzante, ma nemmeno così lento come in tanti l’avevano definito. La storia viene sviscerata con i giusti tempi, essenziali per far comprendere al meglio gli intrighi e le dinamiche tra i personaggi. Intrighi che sono solo all’inizio, questo Dune è un grade preambolo per la storia che verrà. Un preambolo bellissimo. È proprio il ritmo con cui Villeneuve ha scelto di scandire la sua storia che la rende epica, se avesse optato per una narrazione più veloce il risultato non sarebbe mai stato il medesimo. 

Ad impreziosire il tutto è la colonna sonora di Hans Zimmer: in perfetta armonia con ogni momento della storia rende le vicende ancora più epiche ed immersive, non riusata mai invasiva. 

Unico aspetto che non mi ha convito a pieno riguarda la rappresentazione e resa visiva degli  Harkonnen. La casata più crudele dell’Iperium è forse troppo circondata da ambientazioni oscure e cupe, poca attenzione è stata prestata alla cattiveria e astuzia del Barone mentre molta, forse troppa, al suo aspetto fisico. Il senso di disgusto e subdolità che la casata dovrebbe generare emerge ma manca qualcosa. Sicuramente maggiore spazio e analisi verrà dedicata al casato nei prossimi progetti. 

Ora non ci resta che attendere e sperare in un pronto annuncio del sequel di Dune. Voci di corridoio dicono che a dicembre la Warner confermerà o meno i prossimi progetti in base al successo che la pellicola avrà riscosso ai botteghini e su HBO max. Altri invece affermano che i sequel (uno o due) siano già in fase di lavorazione dato che Warner ha concesso al regista di proseguire la storia come parte dell’accordo avvenuto a seguito del rilascio in contemporanea del film al cinema e su HBO max in America. Ufficiale è invece la pre-produzione della serie dedicata alle Bene Gesserit.