I primi 2 libri della collana La Biblioteca di Daphne

Rizzoli presenta la Bibliotace di DaphneA gennaio Rizzoli ha presentato la nuova collana intitolata “La biblioteca di Daphne”, in onore di colei che ne seguirà la pubblicazione. La notizia che sarà curata da Megi Bulla, bookblogger famosa sopratutto su TikTok con appunto il nick @labibliotecadiDaphne, ha… animato gli animi, per così dire 😅 Meg non è certo una sconosciuta nel panorama editoriale, l’anno scorso ha pubblicato un libro per bambini, presentato diversi libri –anche in tv– e non dimentichiamoci che è anche art director di Loonari. Insomma non è l’ultima arrivata, c’è però chi le contesta la preparazione dovuta al ruolo di curatrice di una collana.

Ho onestamestamente un po’ seguito questa diatriba e vi dirò la mia: c’è tanta invidia (sana, ma anche tossica) e un po’ di pregiudizio. Ovviamente chi ha studiato e vanta attestazioni nel campo dell’editoria rosica –nei loro panni lo farei anche io probabilmente–, ma invero per ricoprire il ruolo che le è richiesto non serviranno particolare competenze se non essere addentro al settore e lei è sicuramente un volto conosciuto, che ha già aiutato diverti titoli a diventare “libri del tiktok”. Dovrà sostanzialmente proporre i titoli che potrebbero essere pubblicati e dire la sua sul prodotto finale (edge, copertina, etc), esattamente come già fa (egregiamente direi) per Loonari. Ricordiamoci inoltre che gli editori sono imprenditori e ovviamente scegliere chi ha più di 400mila followers su Tiktok è sicuramente una mossa che gli permette di avere estrema visibilità con minor sforzo.
Personalmente apprezzo questa decisione, Meg è una presenza genuina e sensibile che potrebbe davvero dare il giusto supporto a un editore nel trasmettere quelli che sono i reali desideri di un lettore… e credo che i primi 2 libri che sono stati annunciati per aprile diano già ampia ragione alla scelta fatta da Rizzoli 😉

“Spark of the Everflamel”: un enemies to lovers slowburn

Spark of the Everflame cover su Le Tazzine di YokoPenn Cole
Pagine 448 – 30 aprile 2024
€ 18,90 cartaceo con sprayed edges
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo

TRAMA

In un mondo colonizzato dagli dei e governato dalla loro spietata prole, i Discesi, Diem Bellator vuole sfuggire alla vita isolata del suo misero villaggio. L’improvvisa scomparsa della madre e la scoperta di un pericoloso segreto legato al suo passato offrono a Diem l’inaspettata opportunità di entrare nel mondo oscuro dei Discesi e di svelare la fitta rete di misteri che sua madre ha lasciato dietro di sé. Con l’affascinante e enigmatico erede al trono che osserva ogni sua mossa, e un’alleanza con la fazione ribelle che la recluta per unirsi all’imminente guerra civile, Diem dovrà destreggiarsi tra le regole non scritte dell’amore, del potere e della politica per salvare la propria famiglia e tutti i mortali. Spark of the Everflame è il primo libro della “Saga degli Eletti”, una serie fantasy epica in quattro volumi che segue Diem Bellator nella sua battaglia contro l’ingiustizia e l’oppressione, nel viaggio alla scoperta di sé stessa e alla ricerca del vero amore. Con un capitolo bonus inedito.

Il commento di Meg al libro: “Vi siete mai chiest3 come sarebbe potuto essere “Tenebre e Ossa” se il Darkling avesse fatto una scelta diversa? “Spark of the Everflame” fa questo, ma non solo. Ho amato il found family, l’incapacità di interrompere la lettura e la tensione snervante tra un botta e risposta. Inoltre, in esclusiva per l’uscita italiana, l’autrice ha scritto un capitolo bonus dal POV di Luther e non potrei essere più entusiasta e grata.”

“Half a soul. Metà di un’anima”: un fantasy Regency romance

Half a Soul cover su Le Tazzine di YokoOlivia Atwater
Pagine 384 – 30 aprile 2024
€ 18,90 cartaceo con sprayed edges
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo

TRAMA

Da quando è stata maledetta da un fae che le ha rubato metà dell’anima, Theodora Ettings non sente più emozioni come paura o imbarazzo, cosa che la espone a ogni tipo di scandali involontari nella raffinata Inghilterra dell’epoca Regency. Per questo, l’unico obiettivo di Dora per la stagione mondana londinese è quello di non attirare l’attenzione e non compromettere le possibilità di sua cugina di trovare un marito. Ma quando Lord Elias Wilder, il Lord Sorcier d’Inghilterra, viene a sapere della sua condizione, Dora si trova trascinata in tumultuose vicende di maghi e creature fatate. Lord Elias è un uomo bellissimo, bizzarro e incredibilmente sgarbato, ma gira voce che compia tre prodigi inverosimili ogni giorno, ed è disposto ad aiutare Dora a recuperare la sua metà mancante. Se il buon nome di Dora riuscirà a sopravvivere sia alla maledizione che la tormenta che al nuovo legame con l’uomo meno amato di tutta l’alta società londinese, forse la ragazza potrà reclamare il suo legittimo posto nel mondo; ma quanto più tempo Dora passa con Elias, tanto più comincia a sospettare che, in fondo, per innamorarsi può bastare anche metà anima… Con un racconto extra: il prequel il Lord Sorcier.

Il commento di Meg al libro: “Dora, indirettamente, rappresenta una delle innumerevoli facce con cui si presenta l’autismo e quando ho letto questo libro mi sono sentita a casa come raramente mi è capitato.”

Vi ispirano? Personalmente credo che aspetterò di leggere qualche commento, non sono due libri in cui mi fionderei a occhi chiusi ecco, ma hanno delle caratteristiche che potrebbero riversi carte vincenti… inoltre gli sprayed enges sono fichissimiiii! *-*