Posts Tagged Chiara Parenti

Intervista a Chiara Parenti, autrice di “Tutta colpa del mare”

una bevuta in compagnia sul blog letterario de le tazzine di yoko - interviste
Buon giorno cuplovers!
Oggi, per la nostra rubrica “Una bevuta in compagnia” ospitiamo Chiara Parenti, la nostra special guest del mese di luglio, vi ricordo che il fortunato vincitore del fan del mese vincerà l’ebook di “Tutta colpa del mare e anche un po’ di un mojito”.

Intervista a Chiara Parenti
A CURA DI STREGA DEL CREPUSCOLO (Chiari)

Benvenuta nel nostro salottino virtuale Chiara, accomodati, fa come se fossi a casa tua.

Che bello, grazie mille!

Parlami di te: chi è Chiara?

Bella domanda! Non l’ho ancora capito molto bene, però è senz’altro una sognatrice! Ha 37 anni, è nata a Lucca dove vive con il marito, il figlio e due gatti combinaguai.
Laureata in Filosofia, è giornalista pubblicista e lavora nell’ambito della comunicazione. Ama disegnare, leggere e viaggiare. E, naturalmente, scrivere storie!
È autrice di tre romanzi ebook per la collana Youfeel di Rizzoli: “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)” (che da aprile 2017 è uscito in una nuova edizione cartacea per BUR Rizzoli), “Con un poco di zucchero” e “L’importanza di chiamarsi Cristian Grei”. L’esordio in libreria è avvenuto nel gennaio 2017 con il romanzo “La voce nascosta delle pietre” (Garzanti).

Hai pubblicato diversi romanzi nella collana YouFeel di Rizzoli cosa ci puoi dire di questa esperienza?
Per me è stata fondamentale. Non ero riuscita a pubblicare niente prima dei miei ebook YouFeel e la collana è stata per me una grande occasione per dare finalmente una possibilità alle mie storie.

In “Tutta colpa del mare – e anche un po’ di un mojito” narri la storia di Maia e Marco e di come il destino abbia dato loro una seconda occasione. Parlami di loro.

Maia e Marco, sono i protagonisti della prima storia che ho pubblicato, quindi sono particolarmente affezionata ai miei “Tonno” e “Apetta”. Maia vive una vita misurata in ogni senso: è perennemente a dieta, rigorosamente astemia, ma anche tanto (inconsapevolmente) infelice. Maia, infatti, non si rende conto che quella che sta vivendo non è la vita che vuole, ma quella che vorrebbero gli altri per lei, e le ci vuole una pazza serata con le amiche in Versilia per farle finalmente perdere il controllo e rimettere in discussione tutta la sua vita.
Marco è il primo amore di Maia, conosciuto nell’estate dei suoi 17 anni e, in fondo, mai più dimenticato. Sono molto diversi, forse per questo sono due anime che si completano a vicenda.

Maia è fidanzata con il rampollo di una famiglia importante, Lapo: com’è nata la loro storia?

Maia e Lapo si sono conosciuti ai tempi dell’università, quando Diana è diventata la migliore amica della nostra protagonista. Se oggi Maia vive una vita misurata in ogni senso è proprio grazie (o per colpa?) di Lapo, che – quale giovane rampollo in carriera – desidera al suo fianco la Ragazza Perfetta, sotto ogni punto di vista. Quella probabilmente che piacerebbe a sua Madre.

Marco ha rinunciato a una grande occasione per aiutare l’amico di sempre, Tommaso. Parlami di Tommaso e del legame che c’è tra i due ragazzi. Tommaso riuscirà mai a stare lontano dai guai?

Marco e Tommaso si conoscono fin dai tempi dell’asilo e si vogliono bene come fratelli. Tommaso è sempre stato il casinista e Marco quello che doveva rimediare ai suoi casini. È così da sempre e non credo cambierà mai.

In “Con un poco di zucchero” Matteo sta tentando, senza successo, di scrivere un romanzo: è capitato anche a te di essere bloccata con una storia?

Mi capita continuamente purtroppo, ma credo faccia parte del gioco. Quando sento di non riuscire ad andare avanti mi fermo e leggo o faccio altro, aspettando che l’ispirazione ritorni.

Katie, la tata arrivata come un uragano nella vita di Matteo, tiene un blog: quanto è importante per lei?

Il suo “mitico” “Nuvoletta.com” è importantissimo per lei! Nel corso della storia si capirà come Katie abbia dovuto affrontare delle dure battaglie nella vita e come il suo indistruttibile buon umore sia una grande conquista quotidiana. Il blog è il suo diario, probabilmente la sua valvola di sfogo, dove può condividere i suoi pensieri e tutto quello che le capita. Scrivere è terapeutico anche per lei (come per me!), in pratica.

Nonostante il suo triste passato, Katie è riuscita a ritrovare il sorriso: qual è il suo segreto?

Credo che il suo segreto sia non smettere mai di vedere il lato positivo, di cercare la bellezza in ogni cosa.

Ti va di scegliere una citazione da “Con un poco di zucchero” e condividerla con i nostri lettori?

“Quando suona il campanello, la situazione è più o meno questa. Lo hobbit maschio si trova nel bagno al piano di sopra, completamente nudo e ricoperto solo di assorbenti appiccicati su tutto il corpo. Dice che vuole fare la mummia.
La sorella, forse in preda a uno dei suoi deliri principeschi, ha svuotato sul pavimento l’intero armadio di Beatrice alla ricerca di un vestito abbastanza frou-frou da indossare oppure dell’entrata a Narnia.
Nel frattempo Beatrice, pericolosamente vicina alla finestra, credo stia seriamente valutando la possibilità di buttarsi di sotto.
Stando così le cose, deduco che tocca a me andare ad aprire. Lo faccio con lo stesso entusiasmo con cui un condannato a morte percorre il miglio verde, dal momento che di là dalla porta dovrebbe esserci l’Aspirante Nuova Tata con cui mia sorella ha parlato al telefono qualche giorno fa, dopo aver fatto pubblicare un annuncio sul giornale.
Prego solo che non sia come le altre. Mi auguro che non sia nemmeno lontana parente della ferocissima istitutrice di origine tedesca di un paio di mesi fa, una specie di Signorina Rottermeier con baffi da sparviero: una volta ha urlato talmente forte ai bambini che mi sono messo anch’io a rifare il mio letto.
E mi auguro che la nuova tata non abbia niente da spartire nemmeno con Irina, sempre fissa nello studio a chattare su Skype con mezza Ucraina, mentre i nanerottoli scatenavano guerre fratricide. Ogni giorno sembrava di stare sul Carso.
Credo però che Dio, ancora una volta, abbia frainteso i miei desideri, perché quando apro la porta non c’è nessuno. Tranne tutte le premesse dell’imminente arrivo di un uragano. Orde di nuvoloni neri si rincorrono in cielo trascinati da un vento così forte che a momenti mi aspetto che prenderanno il volo anche le mucche.
«Oh, santo il cielo!» esclama una voce da qualche parte in giardino. Esco, incuriosito, e vedo una ragazza che rincorre un ombrello ribaltato tra le primule.
Aggrotto la fronte perplesso e chiedo: «Ehm, serve aiuto?».
La ragazza riesce finalmente ad agguantare l’ombrello posseduto e prende a correre affannata verso di me. «No! È che quando lo porto in un posto nuovo gli piace esplorarlo per bene!» mi risponde con un sorriso.
Annuisco. «Certo, anche il mio fa sempre così.»
Immagino che a questo punto dovrei descrivere la ragazza, giusto? È che mi ha colto alla sprovvista, lo ammetto: non me l’aspettavo affatto così.
Armata di una sufficiente dose di sconsideratezza, si è presentata al colloquio con un paio di leggins bianchi, degli stivaletti rossi e una giacchetta blu, che la fanno assomigliare più alla bandiera della Francia che alla candidata ideale per il posto di tata.
Forse per colpa del vento, o forse no, una massa informe di boccoli biondi ondeggia sopra la sua testa come la criniera di un leone, incorniciando un viso minuto su cui troneggiano due occhi verdi GIGANTI.
Anche stavolta l’ho scritto maiuscolo per dare l’idea. Giuro, sono proprio enormi, due fanali. Mentre mi domando se siano in grado di vedere anche al buio, li osservo spalancarsi in un autentico tripudio di meraviglia.”

Stai lavorando a qualche nuovo progetto?

Sì, è una storia diversa da questa, ma non appena ha preso forma nella mia testa me ne sono innamorata. Anche qui ci sarà una protagonista che non sa rendersi conto dell’incredibile forza nascosta in lei fino a che la vita non la metterà di fronte a una dura prova.

Grazie per essere stata nostra ospite.

Grazie mille a voi!

 

 

Recensione a “Con un poco di zucchero” di Chiara Parenti

Recensione a “Con un poco di zucchero” di Chiara Parenti

Buon giorno cuplovers! Oggi vi parlo di “Con un poco di zucchero” di Chiara Parenti.
Matteo ha perso tutto: la fidanzata e il lavoro, la sua vita sembra in standby ed è costretto a stare a casa della sorella dove i suoi due nipoti non fanno che combinare disastri dalla mattina alla sera. A sconvolgere la vita di tutti loro ci pensa l’arrivo della strana, allegra e bizzarra Tata Katie pronta a portare scompiglio nelle loro vite e nel cuore di Matteo.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko

Con un poco di zucchero 

A volte per aggiustare le cose basta davvero un po’ di zucchero
Chiara Parenti
Edito da Rizzoli (30 ottobre 2014)
Pagine 144
€ 2,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
A trent’anni suonati Matteo Gallo, aspirante scrittore senza soldi e senza speranze, è costretto a vivere con la sorella Beatrice e “loro”, Rachele e Gabriele, i due scatenatissimi nipotini. Nessuna delle tate finora ingaggiate è riuscita a domarli. Ma ecco che, come per magia, un pomeriggio di fine settembre, un forte vento che spazza le nubi dal cielo porta tata Katie. Beatrice e i suoi bambini restano subito incantati da questa ragazza inglese un po’ stravagante e scombinata, che fa yoga, mangia verdure, va pazza per i dolci… e che con le sue storie fantastiche e i suoi giochi incredibili è in grado di cancellare l’amaro della vita. Matteo invece cercherà (o crederà) di sottrarsi al suo influsso: ma sarà tutto inutile, perché Katie compirà su di lui la magia più grande. Quella dell’amore. Dall’autrice del romanzo rivelazione dell’estate 2014 “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)” una nuova, divertente e supercalifragilistichespiralidosa storia d’amore, che fa rivivere il mito di Mary Poppins. Mood: Ironico – YouFeel è un universo di romanzi digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.

RECENSIONE DI STREGA DEL CREPUSCOLO:
Cinque tazzine… meno qualche piccolissima cosina.
tazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaMEZZA+_stregaDELcrepuscolo

“Con un poco di zucchero” si è rivelata una lettura divertente e dolcissima. Ho adorato Matteo con le sue battute e tata Katie per la sua dolcezza.

Matteo è a un punto morto della sua vita, la sua ragazza l’ha lasciato per un suo superiore ed è stato licenziato così, mentre cerca di finire il romanzo del secolo, vive a casa della sorella tormentato dai suoi terribili nipoti. Bea è un brillante avvocato penalista con due figli, un divorzio alle spalle e un pessimo gusto in fatto di uomini, visto che il fratello non sembra intenzionato a occuparsi dei nipoti e che tutte le tate scappano a gambe levate dopo pochi giorni assieme alle “piccole pesti” è alla ricerca dell’ennesima tata quando Katie Baker bussa alla loro porta.
Katie è decisamente sopra le righe e la prima impressione che Matteo ha di lei è a dir poco esilarante.

Sono sempre più convinto che il suo analista abbia fatto casino con le dosi degli psicofarmaci”.

Katie è allegra, divertente, adora inventare giochi e creare avventure immaginarie per i bambini, sembra vivere in un altro mondo e, anche se Matteo farà di tutto per evitarla, arrivando a chiudersi in camera a tentare di scrivere il suo nuovo romanzo horror, non riuscirà a scampare alle grinfie della terribile tata. Tata che lo incastrerà costringendolo a passare del tempo con i suoi nipoti al luna park. Matteo vorrebbe davvero continuare a fare il duro ma qualcosa, nel suo cuore, cambia e si rende conto che, dopotutto, i suoi nipoti non sono così male e che, cosa ancora più sorprendente, loro lo adorano. Il cuore di Matteo era congelato ed ora, pian piano, si sta sciogliendo e la cosa lo terrorizza.
I battibecchi e le frecciatine tra Matteo e Katie sono brillanti e divertenti ed è innegabile che sarebbero davvero una bella coppia anche se il nostro eroe è fermamente convinto che la ragazza lo stia avvelenando e no, non scherzo! Ovviamente, il nostro Matteo si sta innamorando di Katie ma… non se ne rende conto, anzi non prende nemmeno in considerazione l’idea, si convince addirittura di stare male eppure non riesce a smettere di leggere il blog di Katie e di arrabbiarsi perché lei non parla mai di lui.

Tra una litigata, un battibecco e una scenata di gelosia sarà necessaria la morte del nonno perché la situazione si sblocchi. Per la prima volta Matteo si rende conto che dietro alla facciata sempre così allegra e sopra le righe di Katie si nasconde una persona che è stata profondamente ferita dalla vita ma che non si è arresa e che ha affrontato le avversità con un sorriso. Katie è una ragazza forte, dolce e generosa vede in Matteo qualcosa che nemmeno lui riesce a vedere, ha fiducia in lui e questo è quello che lo spaventa di più.

Matteo riuscirà a superare le sue paure, a crescere, e, cosa più importante, a credere in se stesso? O permetterà alle sue insicurezze di rovinare tutto?
Matteo si trova intrappolato in un presente senza prospettive, non riesce a rimettersi in gioco e, con la scusa di scrivere il suo romanzo, non va avanti con la sua vita, non cerca un nuovo lavoro, non prende una decisione. Ha paura del futuro.
Matteo è un personaggio molto realistico, con le sue paure e le sue incertezze mascherate con battute di scherno. Non vuole mostrarsi per com’è davvero con l’amico di sempre, Stefano, con cui sente la necessità di spacciarsi per quello che non è. Come se far vedere che si è innamorato davvero della tata fosse una debolezza. Matteo dovrà crescere e maturare se non vuole perdere quello a cui tiene di più.
“Con un poco di zucchero” si è rivelato una bella lettura che mescola sapientemente scene divertenti e battute brillanti a momenti più seri. Matteo e Katie sono davvero una bella coppia e vi sarà impossibile non fare il tifo per loro.
Consigliato a chi cerca una storia romantica e divertente da leggere con il sorriso sulle labbra.

L’altro giorno stava intonando qualcosa che assomigliava a Profumo di Gianna Nannini mentre cambiava lo hobbit piccolo che si era fatto la cacca addosso, quando il povero Paul (il pappagallo) ha cominciato a sniffarsi le piume verniciate sperando forse di soffocare e morire.

ATTENZIONE, DA QUI SONO PRESENTI SUL FINALE spoiler

Sapevo che il nostro Teo avrebbe combinato qualche casino e che avrebbe rischiato di rovinare l’idillio tra lui e Katie. Ha paura di lasciarsi travolgere da lei e teme che, alla fine, lei lo lascerà come ha fatto la sua ex così scherza con l’amico Stefano spezzando il cuore della dolce Katie: riuscirà a riconquistarla?

Una scalinata, una tuta da Incredibile, un muro imbrattato e un romanzo horror trasformato in un romance riusciranno a riconquistare Katie?
Un romanzo dolce e divertente da leggere tutto d’un fiato.

ALTRI LIBRI DELL’AUTRICE RECENSITI SUL BLOG
Tutta colpa del mare

Recensione a “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)” di Chiara Parenti

Recensione a “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)” di Chiara Parenti

Buon pomeriggio cuplovers, oggi vi parlo di “Tutta colpa del Mare (e anche un po’ di un mojito)” di Chiara Parenti, il romanzo che il fortunato fan del mese di luglio si porterà a casa! Siete pronti a immergervi in un bel romance estivo?

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko

Tutta colpa del mare 

(e anche un po’ di un mojito)
Chiara Parenti
Edito da Rizzoli (23 luglio 2014)
Pagine 325
€ 8,90 cartaceo – € 2,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
La vita di Maia Marini procede a vele spiegate verso la felicità: un fidanzato appartenente a una prestigiosa famiglia, un lavoro presso una delle più rinomate agenzie di comunicazione di Milano, tre amiche splendide con cui trascorrere il weekend per festeggiare l’addio al nubilato di Diana, la futura cognata! Peccato che la meta prescelta sia la Versilia, dove Maia ha passato le vacanze fino all’estate dei 16 anni. Ritornare nei luoghi in cui ha lasciato il cuore e rivedere Marco, il primo amore, la manda in tilt. Così decide che qualche mojito non potrà farle male… e anzi l’aiuterà. Il mattino dopo, però, Maia non ricorda niente. Non ha idea di cosa abbia combinato durante quel folle venerdì notte. In compenso, però, lo sanno i suoi 768 amici di Facebook. Cercando di ricucire una situazione compromettente e compromessa in ogni settore della sua vita, Maia si troverà a porsi una domanda fondamentale: e se invece che la fine di tutto, fosse solo un nuovo inizio? Perché se è vero che l’alcol fa fare pazzie, è altrettanto vero che a volte aiuta a fare la cosa giusta! Mood: ironico.

RECENSIONE DI STREGA DEL CREPUSCOLO:
Quattro tazzine e mezzo!
tazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaMEZZA_stregaDELcrepuscolo

Tutta colpa del mare si è rivelato davvero una bella lettura, di quelle in grado di portarti indietro nel tempo a quelle estati passate in spiaggia, tra canzoni e risate.
Una delle cose che ho apprezzato maggiormente di “Tutta colpa del mare” è la sua ironia, i momenti divertenti, i piccoli disastri in cui si ritrova coinvolta la protagonista e la scrittura frizzante dell’autrice che mi ha fatto finire il romanzo in un soffio.

In un’altra vita, adesso saresti con me,
e saresti ancora la mia principessa ed io il tuo re,
In un’altra vita, ti avrei chiesto di restare e insieme ci culleremmo tra le onde del mare.
In un’altra vita, io sarei stato Johnny e tu la mia June,
inseparabili, complici, immersi nel blu
.”

Maia è in viaggio con la sua migliore amica, Diana, e altre due ragazze, per la festa di addio al nubilato più noiosa di sempre o, almeno così pensa mentre, in macchina, continua a rispondere alle e-mail di lavoro. Maia è una vera e propria stacanovista, incapace di staccarsi dal suo inseparabile cellulare anche solo per un attimo e ancor meno disposta a non obbedire agli ordini del suo capo, il terribile Tancredi, che non si fa scrupoli a sfruttare Maia. La vita di Maia sembra perfetta, ha il lavoro dei suoi sogni, anche se il suo capo la sfrutta e se ancora non ha un contratto a tempo indeterminato ma prima o poi, sicuramente, Tancredi si renderà conto delle sue doti e premierà tutto il suo duro lavoro, no? È fidanzata con Lapo, l’affascinante e ricchissimo fratello di Diana. Cosa importa se stare con lui significa dover sopportare le ingerenze di Madre? La terribile Atena, madre di Lapo e Diana, soprannominata “Madre” è una donna spaventosa, capace di terrorizzare chiunque con una delle sue occhiate…
Il viaggio in Versilia riporterà a galla ricordi quasi dimenticati, di giochi, nuotate, canzoni cantate sotto le stelle e di un primo amore che Maia pensava di aver sepolto per sempre in fondo al cuore.
Il libro alterna il passato dei protagonisti con il presente spingendo il lettore a leggere pagina dopo pagina per scoprire cos’è successo, quella famosa estate, per rovinare tutto.

La prima sera in Versilia, Maia si ritrova davanti proprio Marco, il ragazzo che, quella folle estate di tanti anni prima, le ha rubato il cuore. Perché Marco e Maia non stanno più insieme? È questa la domanda che il lettore non può fare a meno di porsi perché, in passato, la loro storia d’amore era tenera e perfetta ed è inconcepibile che si siano lasciati.
Il destino sembra non aver ancora finito con Maia e Marco ed è così che, complice qualche mojito di troppo, Maia si risveglia il giorno dopo a letto con Marco, senza ricordare assolutamente nulla della sera precedente.

In pieno stile “una notte da leoni” Maia e Diana ritroveranno la villa… beh non proprio in ordine: cosa ci fanno un cartello stradale rubato e una bicicletta in salotto? E che fine ha fatto il prezioso anello di fidanzamento che Lapo ha dato a Maia? Chi ha imbrattato il ritratto di Madre? E, soprattutto, che fine hanno fatto Gaia e Margherita?
Se vogliono evitare una morte per decapitazione ad opera di Madre, Diana e Maia dovranno darsi un bel da fare a sistemare tutto! Ma non c’è solo la casa da mettere a posto, Maia deve mettere ordine nei suoi sentimenti: come ha potuto tradire Lapo?
Sentimenti profondi torneranno a galla, ricordi dolorosi ancora in cerca di una risposta riemergeranno assieme a una montagna di guai. Maia dovrà fare i conti con se stessa e chiedersi chi è davvero, mettendo in dubbio tutto quello che credeva di sapere.

Tutta colpa del mare si è rivelato davvero una bella lettura, l’ho letto con piacere e mi sono anche divertita! Maia e Marco sono due bei personaggi, mi sono piaciuti molto e ho fatto il tifo per loro. Se cercate una lettura spumeggiante che vi trasporti in una magica estate Tutta colpa del mare è perfetto per voi.

ATTENZIONE, DA QUI SONO PRESENTI SUL FINALE spoiler

Certe cose non cambiano mai e Maia dovrà fare i conti con Tommaso, l’eterno migliore amico di Marco, immaturo come allora e che, come allora, non fa altro che mettersi nei guai. In passato, Marco ha rinunciato a partire con Maia per aiutare Tommaso, finito in un brutto guaio e, agli occhi di Maia, non sembra essere cambiato nulla. Tommaso è ancora immaturo e Marco è sempre pronto a levarlo d’impaccio, possibile che sia rimasto tutto come tanti anni fa?
Lapo, d’altronde, si rivelerà diverso da quello che sembra, non solo non è affatto preoccupato di non avere notizie della sua fidanzata ma la sua unica preoccupazione nella vita sembra quella di compiacere sua madre. Quello che Lapo vuole è una fidanzata oggetto con cui andare alle feste, educata e che piaccia a Madre. Maia continuerà ad accontentarsi di non essere al primo posto nel suo cuore?

Maia ritrova la sua spensieratezza, la felicità che le è mancata in tanti anni a Milano, con Marco può essere se stessa ma c’è ancora un’ombra su di loro: Marco la tradì, tanti anni prima, spezzandole il cuore. La verità sul tradimento l’ho trovata un po’… Ecco, estrema. C’erano altri modi per convincere Maia a partire anche se capisco che Marco, giovane com’era, possa aver commesso uno sbaglio.
Adesso Marco e Maia hanno una seconda opportunità per essere felici, sta a loro avere il coraggio di coglierla.

Il mare restituisce sempre tutto, gli serve solo un po’ di tempo.

Una bella lettura, una storia, scritta benissimo, in grado di portare il lettore indietro nel tempo a quelle estati spensierate fatte di sole, musica e primi amori. Lo stile di Chiara Parenti mi ha conquistata, leggerò sicuramente altro di suo.

QUALCHE INFO SULL’AUTORE
Chiara Parenti (1980) è nata a Lucca dove vive con il marito, il figlio e due gatti combinaguai.
Laureata in Filosofia, è giornalista pubblicista e lavora nell’ambito della comunicazione. Ama disegnare, leggere e viaggiare.
È autrice di tre romanzi ebook per la collana Youfeel di Rizzoli: Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito), Con un poco di zucchero e L’importanza di chiamarsi Cristian Grei.
A gennaio 2017 esordisce in libreria con il romanzo La voce nascosta delle Pietre (Garzanti).

Le uscite interessanti di ieri

i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime

Le uscite di ieri non si contano certo sulla punta delle dita. Ieri mi sono messa a buttare giù questo post con i titoli che ricordavo, poi ho controllato se per caso non me ne fossi dimenticata qualcuno ed è stato come vedere fioccare uscite come funghi o_o per cui ho rinunciato e ho rimandato a oggi che senz’altro avevo un po’ di tempo in più per guardare meglio cosa aggiungere.

Il primo libro che vi segnalo tra quelli interessanti usciti ieri mescola atmosfere thriller a emozioni intense e momenti struggenti, il finale è definito da molti straziante e commovente fino alle lacrime. Sarà vero? Non lo so ovviamente, lo scopriremo solo leggendo, ma è pur vero che questa descrizione mi incuriosisce.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / giallo 01 - compulsivamente lettrice - 4 cupcake gialli sul blog letterario de le tazzine di yoko

Lontano da te

Tess Sharpe
Edito da Fabbri (12 gennaio 2017)
Pagine 350
€ 6,99 ebook – € 17,90 cartaceo
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA DELL’EDITORE

Non comincia qui. Sarebbe quasi banale: due ragazze terrorizzate nel bel mezzo del nulla, gli occhi sgranati rivolti alla pistola nelle sue mani. Ma non comincia qui. Comincia la prima volta che ho rischiato di morire.”

Sophie ha solo diciassette anni quando la sua inseparabile amica Mina viene uccisa proprio davanti a lei. E a peggiorare la situazione ci si mettono i genitori, la polizia, gli amici. A causa del suo passato di dipendenza, sono tutti convinti che abbia trascinato Mina in un bosco, a notte fonda, solo per uno scambio di droga poi finito male. Ma la verità è tutt’altra.
A Sophie non resta allora che iniziare una solitaria caccia al killer che, però, rischia di diventare pericolosa. E di portare a galla il grande segreto che le due ragazze condividevano: un segreto bello e fragile come una bolla di sapone attraversata da un raggio di sole…

Altro romanzo che probabilmente in molti aspettavano è il quinto libro della serie Fallen di Lauren Kate, serie che non ho mai iniziato ma che ha un discreto seguito. Il film tratto dal primo libro sarà nelle sale il 23 febbraio e credo che lo andrò a vedere, anche se… il trailer non è che mi faccia ben sperare u_u mi è sembrato molto… “finto”, non so a voi. In occasine di questa uscita l’editore ripubblica il primo libro con alcune immagini esclusive dal set.

nel piattino abbiamo:
paranormal 01 - compulsivamente lettrice - 5 croassant paranormal sul blog letterario de le tazzine di yoko / love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / young adult 01 - compulsivamente lettrice - 9 biscotto young adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

Unforgiven

Lauren Kate
Edito da Rizzoli (12 gennaio 2017)
Pagine 218
€ 6,99 ebook – € 18,00 cartaceo
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA
Sono trascorsi secoli da quando l’angelo caduto Cam ha detto addio a Lilith, strappandole il cuore, ma ancora non riesce a dimenticarla. Invidioso dell’amore perfetto di Daniel e Lucinda, decide di ritrovarla, ovunque sia. Così stringe un patto con Lucifero: ha quindici giorni per riconquistare l’unica ragazza che abbia mai amato davvero. Se ci riuscirà, potranno vivere insieme, liberi; ma se non dovesse farcela, Cam rimarrà nell’Inferno per sempre, dove lo aspetta un posto speciale. È cominciato il conto alla rovescia: il più oscuro e ambivalente tra gli angeli ci apre finalmente il suo cuore tormentato, mentre lotta contro il tempo.

Un’altra uscita di ieri è un romanzo firmato da Chiara Parenti, un libro intenso sulle emozioni, sulle scelte dettate dalla vita e sul coraggio di sovvertirle per seguire i propri desideri. Perché per ognuno esiste una pietra che può donare la felicità.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko

La voce nascosta delle pietre

Chiara Parenti
Edito da Garzanti (10 gennaio 2017)
Pagine 383
€ 9,99 ebook – € 16,90 cartaceo
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA DELL’EDITORE

Segui le pietre, solo loro regalano la felicità.

Luna è una bambina quando il nonno le dice queste parole speciali insegnandole che l’agata infonde coraggio, l’acquamarina dona gioia e la giada diffonde pace e saggezza. E lei è certa che quello sia il suo destino. Ma ora che ha ventinove anni, Luna non crede più che le pietre possano aiutare le persone. Non riesce più a sentire la loro voce. Per lei sono solo sassolini colorati che vende nel negozio di famiglia, mentre il nonno è in giro per il mondo a cercare gemme. Perché il suo cuore porta ancora i segni della delusione. Si è fidata delle pietre, di quello che nascondono, di quello che significano. Si è fidata di quel ragazzo di sedici anni che attraverso di loro le parlava di sentimenti. Dell’amicizia che cresceva ogni giorno e racchiudeva in sé la promessa di un amore indistruttibile. Leonardo era l’unico a credere come lei nel fascino dei minerali e dei cristalli. Leonardo che in una notte di molti anni prima l’ha abbandonata, senza una spiegazione, senza una parola. E da allora il mondo di Luna è crollato, pezzo dopo pezzo. A fatica lo ha ricostruito, non guardando mai più indietro. Fino a oggi. Fino al ritorno di Leonardo nella sua vita. È lì per darle tutte le risposte che non le ha mai dato. Risposte che Luna non vuole più ascoltare. Fidarsi nuovamente di lui le sembra impossibile. Ha costruito intorno al suo cuore un muro invalicabile per non soffrire più. Ma suo nonno è accanto a lei per ricordarle come trovare conforto: il quarzo rosa, la pietra del perdono, e il corallo che sconfigge la paura. Solo loro conoscono la strada. Bisogna guardarsi dentro e avere il coraggio di seguirle.

Arriva finalmente il cartaceo dell’ultimo libro dell’autrice del bestseller “L’amore arriva sempre al momento sbagliato”, romanzo che mi è piaciutissimo ed è stato una delle migliori scoperte del mio 2016 (trovate la recensione QUI).

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko

Ti amo per caso

Brittainy C. Cherry
Edito da Newton Compton Editori (12 gennaio 2017)
Pagine 317
€ 4,99 ebook – € 9,90 cartaceo
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA DELL’EDITORE

Hai presente quello spazio che c’è tra un incubo e un bellissimo sogno? Quando il domani non arriva mai e il passato non fa più male? Sì, proprio dove il mio cuore batte allo stesso identico ritmo del tuo, il tempo non esiste ed è facile respirare? È lì che voglio vivere con te.”

Mi avevano messa in guardia su Tristan Cole.
«Stai lontana da lui», mi diceva la gente. «È crudele». «È freddo».
È semplice giudicare un uomo dal suo passato. Troppo facile guardare Tristan e vedere un mostro. Ma io non potevo farlo. Ho riconosciuto il male che si portava dentro, perché era simile a quello che viveva in me. Eravamo due persone svuotate. Entrambi alla ricerca di qualcosa di diverso. E insieme abbiamo deciso di provare a riunire i frammenti del nostro passato. Poi, forse, avremmo potuto finalmente ricordarci di respirare…

Concludo lasciandovi le cover di altri libri usciti ieri che potrebbero interessarvi, cliccate sulle copertine per leggere la trama su amazon:

Ne prenderete qualcuno? 😉

Le nuove uscite di oggi della collana Youfeel

i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime

Buona sera cuplovers,
vi segnalo le nuove uscite di oggi per la collana Youfeel di Rizzoli ^_^

Ce n’è per tutti i MOOD: romantico, erotico, emozionante e ironico!
Il debutto in Youfeel per Emiliana De Vico e il ritorno di Cinzia Giorgio (nuovo appuntamento con la miniserie “Le ragazze di Jane Austen”), Elisabetta Motta e Chiara Parenti.

limportanza di essere cristian grei - le tazzine di yokonel piattino abbiamo: MOOD IRONICO

L’importanza di chiamarsi Cristian Grei

Chiara Parenti
link diretti all’acquisto:
amzn-amazon-stock-logo

TRAMA DELL’EDITORE

L’ amore è un gioco. Ti va di giocare con me?

Cristian Grei ha trentadue anni e una sola, acerrima nemica: E. L. James, che con le sue 50 Sfumature gli ha rovinato la vita. Tutte le donne, infatti, appena sentono il suo nome, vedono in lui un dominatore in 3D e l’incarnazione delle più proibite fantasie erotiche. Ma se vivi a Prato, fai il becchino nell’agenzia di onoranze funebri di famiglia e sei ipocondriaco, avere il nome “uguale” a quello del più grande amatore di tutti i tempi, che si sposta in elicottero ed è a capo di un’azienda leader mondiale,può creare una costante e fastidiosissima ansia da prestazione.
Solo Antonella, l’amica di sempre, è in grado di divertirsi giocando con lui e tenere a bada le sue mille ansie, ma soprattuto è disposta ad amarlo per quello che è realmente.
Cristian Grei riuscirà finalmente a capire che è lei la donna giusta? E soprattutto sarà “pronto a riceverla”?

Dall’autrice di Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito) e Con un poco di zucchero una nuova e divertente commedia che vi ossessionerà e legherà fino all’ultima pagina.

 

il bello della diretta - le tazzine di yokonel piattino abbiamo: MOOD ROMANTICO

Il bello della diretta

Cinzia Giorgio
link diretti all’acquisto:
amzn-amazon-stock-logo

TRAMA DELL’EDITORE

Non avrai altro uomo al di fuori di m(ex)

Ognuno di noi ha uno scheletro nell’armadio. Quello di Valentina, coautrice del talk show di punta di Canale Uno, è alto circa un metro e ottanta, ha gli occhi grigio-blu e i capelli castani. È il suo ex Fulvio Valenti. E gli ex, si sa, a volte ritornano. Il guaio è come ritornano. Fulvio non è più il ragazzo bello, povero e semplice che lavorava con il padre, idraulico di fiducia della famiglia di Valentina. Ora è ricco, famoso ed è uno degli anchorman più apprezzati della CNN. I problemi arrivano nel momento in cui Canale Uno decide di assumerlo e di affidargli la conduzione del programma. Sono passati dodici anni da quando Valentina e Fulvio si sono lasciati, e molte cose sono cambiate nelle loro vite. Lei non lo ha mai dimenticato, ma Fulvio come reagirà?

Il bello della diretta si ispira a “Persuasione”: dopo “Prime catastrofiche impressioni” e “Cosa farebbe Jane?”, un altro romantico appuntamento con la miniserie “Le ragazze di Jane Austen”.

 

te nero vaniglia e baci allo zenzero - le tazzine di yokonel piattino abbiamo: MOOD EMOZIONANTE

Tè nero, vaniglia e baci allo zenzero

Elisabetta Motta
link diretti all’acquisto:
amzn-amazon-stock-logo

TRAMA DELL’EDITORE

L’amore non guarda con gli occhi, ma con l’anima

“Pannacotta Dreaming” non è una sala da tè come ce ne sono tante a Roma. È un luogo intimo e curato dove i clienti possono sorseggiare infusi pregiati in tazze di porcellana, gustare i dolci più deliziosi e acquistare meravigliosi bouquet di fiori. L’intraprendente Emma ha infatti saputo unire le sue abilità di pasticciera alla passione per i fiori, dando vita a un bistrot unico e indimenticabile per chi vi trascorre qualche ora di relax. Tra i tanti clienti che iniziano a frequentare il locale c’è Alex Giordani, un compositore di musica lirica a cui la vita ha donato di vedere con il cuore laddove i suoi occhi non riescono a farlo. Per Emma innamorarsi di lui è inevitabile, per Alex pensare a un futuro con lei è complicato. Forse è più semplice restare nei confini sicuri di ciò che si conosce già molto bene. Ma il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce…

Una storia d’amore intensa come una miscela di tè nero e dolce come una mousse alla vaniglia.

 

villa eden - le tazzine di yokonel piattino abbiamo: MOOD EROTICO

Villa Eden

Emiliana De Vico
link diretti all’acquisto:
amzn-amazon-stock-logo

TRAMA DELL’EDITORE

Lasciate ogni pudore voi che entrate

Nicoletta è una giovane donna a cui la vita ha tolto l’amore. Per questo o forse per sfida accetta quell’invito a Villa Eden, luogo di incontri segreti e giochi senza regole. E scopre di essere la protagonista assoluta della serata, l’oggetto del desiderio di molti uomini nascosti dietro una maschera e pronti a tutto per conquistarla. Nicoletta è convinta di non desiderare un simile potere sull’altro sesso, e di non essere ancora pronta per lasciarsi alle spalle il dolore del suo passato. Vuole un uomo che la faccia sentire una regina e che sia disposto a essere soltanto suo. Per sempre. Ma una sensualità prepotente si risveglia in lei sotto le carezze delicate e virili di un’enigmatica maschera d’argento… Chi riuscirà a rubarle il cuore e a farle provare ancora le sensazioni che ha dimenticato da troppo tempo?

Un romanzo che vi ecciterà pagina dopo pagina. Un mix esplosivo di trasgressione, sensualità e amore.

porta le tazzine nel tuo blog/sito

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 1 cuore

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 2 stella

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 3 cerchio

guarda il codice

logo LE TAZZINE DI YOKO verde logo LE TAZZINE DI YOKO giallo logo LE TAZZINE DI YOKO arancio logo LE TAZZINE DI YOKO nero
logo LE TAZZINE DI YOKO fuxia logo LE TAZZINE DI YOKO viola logo LE TAZZINE DI YOKO azzurro logo LE TAZZINE DI YOKO rosso

guarda il codice

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.

le amiche tazzine