Posts Tagged recensioni di Valy

Recensione a “Hai cambiato la mia vita” di Amy Harmon

Amy Harmon - le tazzine di yoko

Buongiorno a tutti, ho letto “Hai cambiato la mia vita” di Amy Harmon, romanzo romance dalle sfumature thriller e paranormali uscito per Newton Compton a fine gennaio, e me ne sono innamorata.

Di Amy Harmon avevo già amato il profondo Sei il mio sole anche di notte”, il dolce “Infinito +1” e il drammatico “I cento colori del blu . Con questa nuova pubblicazione, l’autrice sfiora le vette di perfezione stilistica e di bellezza di “Sei il mio sole anche di notte”.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko

hai-cambiato-la-mia-vita-le-tazzine-di-yokoHai Cambiato La Mia Vita

(The Law of Moses)
Amy Harmon
Edito da Newton Compton Editori (26 gennaio 2017)
Pagine 384
€ 4,99 ebook – € 9,90 cartaceo
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Lo trovarono nel cesto della biancheria di una lavanderia a gettoni: aveva solo un paio di ore di vita. Lo chiamarono Moses. Quando dettero la notizia al telegiornale dissero che era il figlio di una tossicodipendente e che avrebbe avuto problemi di salute. Ho sempre immaginato quel “figlio del crack” con una gigantesca crepa che gli correva lungo il corpicino, come se si fosse rotto mentre nasceva. Sapevo che il crack si riferiva a ben altro, ma quell’immagine si cristallizzò nella mia mente. Forse fu questo ad attrarmi fin dall’inizio. È successo tutto prima che io nascessi, e quando incontrai Moses e mia madre mi raccontò la sua storia, era diventata una notizia vecchia e nessuno voleva avere a che fare con lui. La gente ama i bambini, anche i bambini malati. Anche i figli del crack. Ma i bambini poi crescono e diventano ragazzini e poi adolescenti. Nessuno vuole intorno a sé un adolescente incasinato. E Moses era molto incasinato. Ma era anche affascinante, e molto, molto bello. Stare con lui avrebbe cambiato la mia vita in un modo che non potevo immaginare. Forse sarei dovuta rimanere a distanza di sicurezza. Ma non ci sono riuscita. Così è cominciata una storia fatta di dolore e belle promesse, angoscia e guarigione, vita e morte. La nostra storia, una vera storia d’amore.

RECENSIONE DI VALY:
Cinque tazzine tondissime, direttamente nei miei preferiti!
tazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valy

Purtroppo, scoprii che i miei gusti erano cambiati drasticamente, perchè i cowboy e i cantanti di musica country, per quanto sexy, erano stati surclassati dagli artisti eccentrici rinchiusi nei manicomi.

Ci sono due autrici di romance contemporaneo di cui compro i romanzi a occhi chiusi, o quasi: una è Colleen Hoover, e l’altra è Amy Harmon. Quando ho saputo della nuova pubblicazione della Harmon, ho gioito entusiasta e ho acquistato con fiducia cieca, restando lo stesso sorpresa ed emozionata alla fine della lettura. Perchè in “Hai cambiato la mia vita” vi è più di una attrazione fisica tra Georgia e Moses, vi è un elemento paranormale che mi ha lasciata esterrefatta fin dai primi capitoli.

Io pensavo di leggere un romance normale, invece mi sono ritrovata a seguire un protagonista maschile fortemente destabilizzato che vede i morti e li dipinge pure! Da folle amante del paranormale, e in particolar modo di argomenti relativi alla morte e alla vita dopo la morte, non potevo che andarci a nozze con Moses. Spiriti ovunque, quadri meravigliosi, un maneggio di cavalli e un ragazzo dal fascino conturbante, cosa potevo volere di più da una storia e per giunta della Harmon? In “Hai cambiato la mia vita” la spiritualità incontra l’arte, e infine si unisce alla passione e all’amore, per dare vita a una storia originale, tormentata e profonda che colpisce e resta nel cuore.

Il romanzo si apre con un prologo in cui si capisce che la storia che si sta iniziando ha come tema un amore senza fine, che però per qualche motivo è finito e ha fatto soffrire, e che si ricollegherà poi in modo perfetto all’epilogo. Con un prologo del genere, ci si aspetta già che qualcosa vada storto ai protagonisti, e che vi sia un alone di drammaticità a un certo punto,  l’ansia sale smisurata durante la lettura, grazie a una costruzione ricca di suspence, thriller e mistero, e fa fare mille congetture sui possibili finali (se ve lo state chiedendo, no, non ho indovinato quello giusto).

La storia si divide in due grandi parti: la prima parte che presenta i due protagonisti, li fa avvicinare e innamorare, e la seconda parte, ambientata sette anni dopo, che segue le loro vicende separatamente e ci fa capire che cosa è successo nel frattempo. Delle due parti ho apprezzato, da brava romantica, di più la prima, nella quale si approfondisce il personaggio fiero, determinato e avventato di Georgia, la quale vive con i suoi genitori insieme ai loro cavalli (interessante il lavoro di cura  delle persone attraverso lo specchiarsi con l’animale), e quello sensuale, pazzoide, e visionario di Moses, il quale abita solo con la nonna e non è in grado di controllare nè la sua sensibilità nè la sua arte.

Georgia ha una vera e propria fissazione per Moses, fa di tutto per conoscerlo e conquistarlo, lui così schivo e sulle sue, un ragazzo dal passato doloroso, ma che la attrae per la sua diversità e per la sua bellezza. Moses è lusingato delle attenzioni continue di Georgia, e di fronte alle sue avances esplicite e coraggiose, anche se sa di doversi tirare indietro a causa della sua vita spericolata sul confine tra due mondi che lei non immagina neanche, cede, mettendo in chiaro che si tratta solo di sesso.  Moses potrebbe anche provare qualcosa per Georgia, ma l’amore non è tra le sue priorità, considerato che spiriti di donne morte continuano a fargli visita, e che per cacciarle via non può fare altro che dipingere, senza mai fermarsi, in qualcunque posto e a qualasiai orario. Come faranno due persone dalle esperienze di vita così distanti a superare le difficoltà della morte, le intrusioni dall’Aldilà e uno sconosciuto killer ancora a piede libero, restando uniti?

Il romanzo fa riflettere e commuovere, ammette l’esistenza di una vita dopo la morte e dei fantasmi, e regala momenti passionali e teneri, tristi e di felicità, attraverso una scrittura fluida e poetica e mediante l’uso di punti di vista alternati tra Georgia e Moses che fanno amare a ogni pagina di più i protagonisti (specie Moses, ehm ehm, il mio artista pazzo preferito ihihi). 

Assolutamente, leggetevi “Hai cambiato la mia vita”, perchè ci sono tante frasi e situazioni che sono sicura potrebbero cambiare anche la vostra di vita!

 

Recensione a “Irraggiungibile” di Abbi Glines

Buongiorno a tutti,
oggi vi parlo di “Irraggiungibile” di Abbi Glines, primo romanzo di una trilogia romance new adult composta da “Irraggiungibile”, “Irresistibile”, “Indimenticabile”, più “Insuperabile” dal punto di vista maschile, pubblicato nel 2014 da Mondadori Chrysalide, che ha come protagonisti l’affascinante e misterioso Rush e la tormentata Blaire!

nel piattino abbiamo:  contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / new adult 01 - compulsivamente lettrice - 10 biscotto new adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

Irraggiungibile Abbi Glines- le tazzine di yokoIrraggiungibile

(Fallen Too Far)
Abbi Glines
Edito da Mondadori (1 aprile 2014)
Pagine 240
€ 14,90 cartaceo – € 4,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Rush Finlay ha ventiquattro anni, è sexy e arrogante, e nessuno riesce a dirgli di no. Blaire Wynn ha solo diciannove anni, è splendida, innocente e off limits: è figlia del nuovo patrigno di Rush. Quando Blaire, alla morte della madre, lascia la sua fattoria in Alabama e si trasferisce in Florida dal padre che non vede ormai da anni, trova ad attenderla solo Rush, il fratellastro fascinoso e inaffidabile, con cui dovrà trascorrere l’estate. Blaire non è preparata a quel mondo pieno di lusso e tentazioni, e soprattutto a quella potente attrazione, impossibile da contenere, che la trascina verso Rush… Perché la felicità sembra sempre così irraggiungibile?

RECENSIONE DI VALY:
Una lettura che decisamente sfora le 4 tazzine, non da cinque… ma da quattro e un po’.
tazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP+_valytazzinaDOWN

E’ il primo libro di Abbi Glines che leggo, e mi domando, perché non ho iniziato prima a leggere questa autrice? Perché l’ho scoperta solo ora? Ho letto “Irraggiungibile” in due sere, senza staccarmi dalla lettura anche se si era fatto tardi, così scorrevole, imprevedibile, eccitante, passando immediatamente al suo seguito senza nemmeno guardare la trama del romanzo. Per quanto la storia possa sembrare sempre la stessa di tante altre letture, Abbi Glines riesce a dipingere attraverso le parole un ragazzo sensuale e contorto di nome Rush Finlay in modo perfetto, mostrandocelo in un primo momento come arrogante e lascivo, uno che può prendersi qualsiasi ragazza e ne è consapevole, e in seguito come uno possessivo e fragile davanti ai suoi stessi sentimenti per la sorellastra Blaire. 

La storia ha inizio nel momento in cui Blaire, alla morte della madre, è costretta ad andare ad abitare nella casa in Florida a Rosemary Beach da suo padre, con il quale non ha più un rapporto da anni, e all’interno della villa in cui si trasferisce conosce l’affascinante ventiquattrenne Rush, figlio della donna con cui suo padre ha una nuova relazione, e suo fratello minore Grant. Mentre Grant si dimostra subito aperto e gentile nei suoi confronti e le fa pure dei complimenti sull’aspetto fisico, Rush sembra non gradire la sua presenza in villa e fa di tutto per tenerla a distanza, continuando a portarsi a letto ragazze da una sera e via. L’equilibrio precario tra i tre fratellastri viene rotto non appena Blaire assiste per caso a un momento erotico tra Rush e una delle ragazze che frequenta per il sesso; da quel momento, Blaire inizia a pensare di voler essere al centro delle attenzioni piacevoli di Rush, e Rush cede sempre un po’ di più all’attrazione fisica che prova per lei e che reprime perchè Blaire fa parte in qualche modo della sua famiglia. Desiderare qualcuno che abita nella stessa casa, e che si vede ogni giorno, ma che si sa di non poter mai avere per motivi familiari fa aumentare la libido dei due giovani, fino a quando essi di comune accordo decidono di infrangere ogni regola morale e di unirsi di nascosto, senza farsi scoprire dai rispettivi genitori. La passione da capogiro, la grande intesa, e il segreto “sporco” che condividono, li fa col tempo innamorare l’uno dell’altra, ma Rush non ha ancora detto tutta la verità sulla sua famiglia a Blaire, e la ragazza potrebbe rimanerci molto male una volta scoperto il peso che porta lui…

Un romanzo che mi è piaciuto molto, poco profondo e molto erotico da buon new adult, una lettura dal ritmo veloce e i personaggi principali approfonditi e interessanti, che non manca di stupire verso il finale con colpi di scena sulle vicende familiari che bisogna essere dei geni a districarle, e tiene continuamente sul filo del rasoio con scene di passione estrema, e problemi di possibili scandali.  All’inizio ero convinta si sarebbe instaurato il classico triangolo amoroso tra fratelli, e mi aspettavo una Blaire contesa tra lo scontroso Rush e l’estroverso Grant, invece non è successo, e non vi è stato nemmeno un accenno a una possibile deviazione dal percorso Rush-Blaire. Ammetto che forse avrei preferito un triangolo amoroso, ma alla fine il romanzo intriga anche così; unica nota negativa, non capisco a questo punto il ruolo di Grant, lo trovo un personaggio inutile, ma proprio inutile inutile, che non compare praticamente mai, e che è stato sprecato dall’autrice. Consiglio a tutti coloro che amano il genere romance new adult di iniziare la serie “Too far-Rush of Love”,  perchè è una lettura scoppiettante che vi saprà tenere ottima compagnia con l’ardore e la storia del protagonista maschile Rush.

serie Rosemary Beach

composta da più miniserie…

miniserie di 4 libri Rush of Love (Too Far)

  1. Irraggiungibile (Fallen Too Far) _Rush & Blaire
  2. Irresistibile (Never Too Far) _Rush & Blaire
  3. Indimenticabile (Forever Too Far) _Rush & Blaire
  4. Insuperabile (Rush Too Far) _Rush & Blaire
     
  5. Twisted Perfection _Woods & Della
  6. Simple Perfection _Woods & Della
  7. Take A Chance _Grant & Harlow
  8. One More Chance _Grant & Harlow
  9. You Were Mine _Tripp & Bethy
  10. Kiro’s Emily _Kiro & Emily
  11. When I’m Gone _Mase & Reese
  12. When You’re Back _Mase & Reese
  13. The Best Goodbye _River & Elle
  14. Up in Flames _Nan

Recensione a “Capolinea per le stelle” di Philip Reeve

philip-reeve-le-tazzine-di-yoko

Buon pomeriggio a tutti! Ho letto “Capolinea per le stelle” di Philip Reeve, un romanzo che si presenta come un mix di fantascienza, sci-fi e young adult, dalla trama che mi ha subito incuriosita, edito da Giunti a fine ottobre 2016.

capolinea-per-le-stelle-le-tazzine-di-yokoBenvenuti in un universo struggente, tra remoti sistemi solari collegati da tunnel e treni dotati di vita.

nel piattino abbiamo: romance ciambella - le tazzine di yoko / fantascienza 01 - compulsivamente lettrice - 1 bastoncino fantascienza sul blog letterario de le tazzine di yoko

Capolinea per le stelle

Philip Reeve
Edito da Giunti (19 ottobre 2016)
Pagine 320
€ 16,00 cartaceo – € 9,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Immaginate un mondo in cui remoti sistemi solari sono collegati da tunnel attraverso i quali treni dotati di vita e sentimento in pochi istanti percorrono anni luce, passando di pianeta in pianeta, attraverso la devastazione lasciata da lunghe guerre di potere. Zen è un giovane ladro che vive con la sorella Myka e la madre in una città industriale poverissima, fino a che uno sconosciuto non gli propone una missione impossibile: trafugare un oggetto custodito sul treno della dinastia imperiale. Ad aiutarlo avrà solo Nova, una robotik, che sa di essere un’androide ma sogna di essere un’umana e si innamorerà perdutamente del ragazzo. Zen, incapace di resistere all’emozione della scoperta e del viaggio, anche a costo di lasciarsi alle spalle il vecchio sé e i propri sogni del passato; Nova, l’androide che vorrebbe le lentiggini; Flex, l’artista clandestino celebre in tutta la galassia per i suoi murales che decorano i fianchi dei treni interplanetari, così belli da sembrare vivi; i misteriosi Monaci Alveare, ammassi brulicanti di insetti capaci di creare l’illusione di una sembianza umana…

RECENSIONE DI VALY:
Tre tazzine più qualche cosina.
tazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP+_valytazzinaDOWNtazzinaDOWN

Zen Starling è un giovane ragazzo che vive con la sorella Myka in una realtà futuristica dove esistono più pianeti uniti tra loro da ferrovie e portali in un intricato quanto affascinante sistema connettivo universale. Treni dalle diverse dimensioni, colori e funzioni si fermano in varie stazioni, dove è possibile salire per percorrere railhead-damask-will-kirkby-le-tazzine-di-yokospazi altrimenti impraticabili e raggiungere destinazioni anche molto distanti tra loro come abitanti, usanze e condizioni di governo. Un giorno, Zen, ruba un collier a un’orafa, furto per lui di poco valore, abituato ad eseguirne altri sporadici più sostanziosi, ma che dà il via a una difficoltosa e rocambolesca fuga da un drone che gli sta alle costole, e lo conduce a conoscere una bella Motorik dal mantello rosso, Nova. Insieme a lei, Zen si trova coinvolto in una missione rischiosa e avventata che gli viene proposta da uno sconosciuto: trovare un oggetto custodito sul treno della dinastia imperiale, e sottrarlo. Per farlo, Zen dovrà viaggiare e fingersi qualcun altro, mettersi alla prova e affrontare numerosi ostacoli, insieme a Nova, che pian piano si innamorerà di lui e sognerà di essere umana per piacergli in modo romantico…

Un romanzo fantascientifico originale e fuori dagli schemi, che si fonda sulla grande fantasia dell’autore, e sulla sua (certa) passione per i treni e i mondi lontani, che stordisce con i tanti personaggi (troppi) e con le relazioni che si instaurano tra di loro, ma che non mi ha emozionato e che ho fatto fatica a finire di leggere, capolinea-per-le-stelle-treno-le-tazzine-di-yokoa causa della sua eccessiva lentezza e della enorme quantità di nomi inventati e di informazioni strane. La trama è davvero complicata, e per quanto il ritmo di narrazione non sia proprio piatto, mi è riuscito difficile seguirla con attenzione e soprattutto capire che cosa stava succedendo e perché, chi erano i buoni e chi erano i cattivi. Varie sotto-trame si intersecano tra loro, per cui perdere il filo logico della storia risulta più facile di quanto non si immagini. Ho dovuto spesso fermarmi per riflettere su alcuni personaggi e tornare a rileggere alcune parti di capitoli per avere una visione d’insieme che avesse un senso. L’autore lascia da solo il Lettore fin dalle primissime pagine in un visionario universo senza dedicargli cure e attenzioni tramite descrizioni e spiegazioni, e il risultato è che trovandosi spaesato e senza più coordinate conosciute, non riesce ad apprezzarlo. Io non vi sconsiglio di leggere il romanzo, perché ritengo comunque che sia un lavoro interessante e che possa piacere anche a qualcuno di voi, soprattutto a chi è stanco delle solite letture fotocopia, ma a me non è piaciuto tanto come pensavo.

Recensione a “La Corona di Fuoco” di Sarah J. Maas, terzo libro della serie Throne of Glass

Sarah J Maas - le tazzine di yoko

Buongiorno cuplovers,
oggi vi parlo de “La Corona di Fuoco” di Sarah J. Maas, l’attesissimo terzo romanzo della serie fantasy e romantica “Il Trono di Ghiaccio”, pubblicato da Mondadori nella collana Chrysalide a fine ottobre 2016.  Perché attesissimo?

Intanto perché la serie merita molto, sia come intreccio di storia e personaggi, sia come scrittura, e ogni volta che si legge qualcosa di questa autrice è un po’ come tornare nel calduccio di casa, e poi perché l’editore aveva deciso di non far uscire “Heir of Fire” e di interrompere quindi la serie con il secondo romanzo “La Corona di Mezzanotte”. Per fortuna, non è successo!

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / fantasy classico 01 - compulsivamente lettrice - 3 torta fantasy sul blog letterario de le tazzine di yoko / young adult 01 - compulsivamente lettrice - 9 biscotto young adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

la-corona-di-fuoco-sarah-j-maas-le-tazzine-di-yokoLa corona di fuoco

(Throne of Glass #3 – Heir of Fire)
Sarah J. Maas
Edito da Mondadori Chrysalide (25 ottobre 2016)
Pagine 480
€ 19,90 cartaceo – € 9,99
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Sopravvissuta a duelli mortali e a un dolore inconsolabile, Celaena Sardothien è ora in viaggio verso una nuova terra dove affronterà una verità che potrebbe cambiarle la vita, e il futuro, per sempre. In questo capitolo della saga, Celaena dovrà fronteggiare forze oscure e mostruose, ma prima sarà costretta a sconfìggere i propri demoni interiori e a fare i conti con un amore impossibile che le ha spezzato il cuore. Mistero, romance, complotti di palazzo e magia si mescolano nel terzo episodio della saga epic-fantasy “Il trono di ghiaccio”.
RECENSIONE DI VALY:
Cinque tazzine meno qualche piccolissima cosina
tazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaMEZZA+_valy

celaena-le-tazzine-di-yokoQuesto è quello che io chiamo un fantasy come si deve! Azione, intrighi di palazzo, un re cattivo, streghe, draghi, Fae, Scarnificatori, e principi Valg. 480 pagine di puro piacere. Tanti personaggi interessanti, più punti di vista diversi, e uno stile di scrittura poco scorrevole ma che conquista a ogni parola di più. La Maas con questo terzo libro supera con bravura i due precedenti, lasciando da parte gli intrecci amorosi con Chaol e Dorian, per concentrarsi sul cambiamento psicologico e fisico di Celaena, mandata in missione a Wendlyn, lontana dal terrificante palazzo di cristallo di Adarlan.

Celaena non riesce a darsi pace per la morte di una persona a lei cara, e sostiene un duro allenamento con il principe Rowan, un Fae al servizio della regina Maeve, per riuscire a dominare la magia del fuoco che è in lei. Il suo scopo è quello di essere condotta da lui a Doranelle, dove risiede il palazzo della regina Fae, per afcf3ef4cba9c0532a03a76987a59d0dchiederle informazioni sulle tre chiavi di Wyrd, che hanno il potere di distruggere qualunque cosa e che devono essere recuperate per sconfiggere l’ostile re di Adarlan. Rowan è scorbutico e impenetrabile, ma pian piano stringe un rapporto intimo con la ragazza, arrivando a farle confidare momenti drammatici del suo passato. Celaena nasconde tanta rabbia dentro di se, per il massacro dei suoi genitori, per la morte del suo primo amore Sam, per essere diventata una assassina, per non avere avuto la forza di essere quello per cui è nata, e perfino per Chaol.  Nei confronti di quest’ultimo, non sente più l’amore che provava prima, sa di dover chiarire il rapporto con lui non appena tornerà ad Adarlan, ma teme di non riuscire più a vederlo allo stesso modo. L’unico ragazzo che le resta adesso è proprio Rowan, che riesce a tirare fuori il lato selvaggio della sua personalità senza giudicarla, e che la incoraggia a diventare sempre più forte, per fare vendetta e riprendere ciò che è suo di diritto.

tumblr_nr6rc3g9ql1rhq42eo1_1280Si seguono, parallelamente, le vicende della strega Manon, che si prepara a volare con il suo drago Abraxos per combattere per il re di Adarlan insieme alle sue compagne. Guidare il drago che ha scelto non è un compito che le riesce facile, soprattutto quando la nonna vorrebbe un altro drago più feroce per lei, e lei non ne vuole sapere. La storia dei vari clan di streghe viene ripreso e approfondito molto bene, con combattimenti all’ultimo sangue, prove impossibili da superare, e rivincite che fanno brillare i temibili denti di ferro della bellissima Manon. Il ruolo delle streghe all’interno della storia sta diventando importante, e in groppa ai draghi sono sicura che daranno parecchio filo da torcere a Celaena e gli altri.

Dentro il palazzo di cristallo, nel frattempo, Chaol cerca di capire se stare dalla parte del re che serve, oppure se fare la sua mossa con coraggio per giurare fedeltà a Celaena, e non sapendo decidersi, fa di dorian havilliardd image-le tazzine di yokotutto per aiutare il suo migliore amico Dorian a nascondere la sua magia. Ad Adarlan questa è stata vietata dal re e un suo uso potrebbe costare molto caro al principe e a tutti coloro che sanno ma tacciono, come Sorcha, la guaritrice segretamente innamorata del principe, che scopre i suoi poteri e diventa la sua amante. Dorian nutre ancora speranza di stare, un giorno, con Celaena, ma dopo aver capito chi è lei in verità, ha paura che questo non accadrà mai, almeno non finchè suo padre il re di Adarlan continuerà a esserle nemico. Grazie alle pozioni di Sorcha, il principe abbraccia sempre più la sua natura magica e impara a controllarla, cercando poi però di trovare un modo per mandare via la ragazza dal palazzo prima che il padre scopra la loro relazione. Anche Aedion, amico d’infanzia di Celaena, si trova al servizio del re di Adarlan, e alla notizia che lei è viva e sta bene a Wendlyn, stringe un’alleanza di nascosto con Chaol, per riuscire a rivederla anche solo una volta nel prossimo futuro. Aedion era il promesso sposo di Celaena fin da quando lei era una bambina, e il ricordo della loro grande amicizia gli fa desiderare di tornare al suo fianco per proteggerla dagli orrori del re. Chaol, Dorian, Aedion rischiano, però, di rimanere intrappolati nell’oscurità del palazzo di cristallo, senza poter riuscire più ad uscire. La posta in gioco è altissima. Riusciranno a contrastare, da soli, il re, in attesa che torni Celaena?

sticker375x360-u1I personaggi sono uno più bello dell’altro, caratterizzati in modo perfetto, ma il mio preferito resta sempre il principe Dorian Havilliard, che purtroppo pure in “Heir of Fire” non se la passa tanto bene. Figlio di quel re responsabile di ogni male, che tutti i suoi amici vogliono sconfiggere, Dorian cerca di sopravvivere al suo potere e di restare in equilibrio tra le varie fazioni in campo. Quando leggevo nella stessa frase di “Dorian” e “magia”, in cuor mio aveva già vinto lui! Tanto affascinante, buono e debole nell’animo, ma allo stesso tempo forte e oscuro con la magia, Dorian è colui che, secondo me, dovrebbe finire insieme alla protagonista Celaena (chissà tra quanti libri), per questo mal sono riuscita a digerire il suo interesse amoroso per Sorcha, gioendo poi sadicamente nelle ultime pagine, prima di preoccuparmi di nuovo per lui (poverooo).

“La Corona di Fuoco” è un romanzo di preparazione, di passaggio, in cui ciascun personaggio cresce e raccoglie le forze in vista dell’arrivo cwy2rh-wiaakvnndella battaglia decisiva contro il re. Decide con chi allearsi, e il motivo che lo spinge a farlo. Ed è molto più fantasy degli altri due. Celaena diventa fortissima, il suo potere del fuoco è così devastante e ipnotico, che non ho patito per niente la mancanza di romance (anche se l’aspetto trepidante per i prossimi volumi).

E’ stata, in conclusione, una lettura stra-consigliata, di cui starei a parlarvi ancora per ore. Leggetevi assolutamente questa serie!!!

serie Throne of Glass

  1. Il Trono di Ghiaccio (Throne of Glass)
  2. La Corona di Mezzanotte (Crown of Midnight)
  3. La Corona di fuoco (Heir of Fire)
  4. Queen of Shadows
  5. Empire of Storms

prequel

  • L’Assassina e Il Signore dei Pirati [ebook]
  • L’Assassina e Il Deserto [ebook]
  • L’Assassina e Il Male [ebook]
  • L’Assassina e L’ Impero [ebook]

“Akagami no Shirayuki hime”, uno shoujo anime con un bel principe e la sua erborista

fantasie di zucchero sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anime e dorama

Buongiorno a tutti,
oggi vi parlo di “Akagami no Shirayuki hime”, anche conusciuto come “Snow white with the red hair”, un anime romantico e fantasioso in stile fiaba diviso in due stagioni da 12 episodi ciascuna, tratto dal manga ancora in corso di Sorata Akizuki, e mandato in onda in Giappone dallo studio Bones  a partire dal 2015. Lo potete trovare sul web in lingua originale con sottotitoli in italiano.

nel piattino abbiamo: shoujo 02 - malatamente otaku - 1 barretta di cioccolato shoujo e josei sul blog letterario de le tazzine di yoko …romantico, fantastico, avventuroso.

akagami-no-shirayuki-home-anime-le-tazzine-di-yokoAkagami no Shirayuki hime (stagione 1 e 2)

TRAMA
Shirayuki è una giovane erborista che conduce un’esistenza tranquilla nel regno di Tambarun. Un giorno però, Raji, principe del suo paese, decide di prenderla con sé come sua concubina a causa dell’inusuale colore dei suoi capelli: un rosso vivo e acceso. Shirayuki non cede ai capricci del principe e fugge via, imbattendosi casualmente in un ragazzo che scoprirà essere Zen, secondo principe di Clarines, un regno vicino al suo. Zen e Shirayuki si aiutano a vicenda riuscendo a chiudere la questione Raji e la ragazza, ormai decisa a vivere nel regno di Zen, inizia il suo apprendistato come erborista di corte.

RECENSIONE DI VALY:
Cinque tazzine meno qualcosina, bellissimo, vogliamo una terza stagione!
tazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaMEZZA+_valy

zen-e-obi-le-tazzine-di-yokoCon questo anime ho avuto un’empatia immediata. La grafica, l’ambientazione tra castelli, montagne e mare, i tanti principi dei regni, la protagonista Shirayuki, ragazza dai capelli rossi con una passione per le erbe curative. E poi lui, il principe Zen. E la guardia del corpo Obi. Tutto, ma proprio tutto, mi ha affascinata. E’ stato emozionante entrare nella storia disegnata dalla Akizuki, soprattutto grazie alla simpatia e unicità dei personaggi del palazzo di Clarines, e alla solida relazione che si instaura tra il principe Zen e Shirayuki.

Ammirazione, amicizia, attrazione, e infine, amore. Una esplosione di colori, di sentimenti e di romanticismo che ha saputo intrattenermi con divertimento e batticuore fino alla fine della seconda stagione. Ma ora? Serve un’altra stagione per arrivare al momento in cui Zen chiede in sposa Shirayuki, perchè lo farà vero? Mi è mancato vederlo, è stato quello che non gli ha fatto prendere le mie cinque zen-e-shirayuki-kiss-le-tazzine-di-yokotazzine pienissime in valutazione. A voi no? E Obi! E’ meno bello di Zen, ma molto più misterioso, e abile nel combattimento, nasconde i suoi sentimenti per Shirayuki perchè è troppo fedele al suo capo Zen, e intende servirlo con lealtà, quanto mi sarebbe piaciuto vederlo esternare quello che prova, diventare più deciso e cattivo per lei!

I personaggi di questo anime sono uno più dolce dell’altro: Shirayuki, ragazza tenera, ambiziosa, che si impegna per migliorarsi e aiuta chi è in difficoltà; Zen, secondo pricinpe di Clarines, non ha mai avuto un amico vero, sogna di poter essere apprezzato al di là del suo titolo e delle sue ricchezze; Obi, ragazzo dal passato doloroso, ama la libertà e stare da solo, ma da quando diventa akagami-frase-le-tazzine-di-yokoservitore di Zen e guardia di Shirayuki, non riesce a immaginarsi più senza di loro;  Kiki, ragazza alle difese di Zen, nobile anch’essa, fa di tutto per tenere al sicuro i suoi amici, anche consegnarsi ai nemici; Mitsuhide, serve Zen con costanza e pur stressandolo, gli dimostra che tiene a lui; Raji, principe di Tambarun, regno vicino, insegue Shirayuki per i colore rosso dei suoi capelli, ma in fondo la stima, e alla fine tira fuori coraggio e onore per lei. L’atmosfera che si vive in Akagami è da sogno, proprio come quella di una fiaba, con i suoi principi a cavallo, i suoi luoghi pittoreschi, i suoi pericoli, e le sue dichiarazioni d’amore in grande. E’ più adatto, per questo, a un pubblico femminile. La storia merita già solo per il principe protagonista. Zen è…Zen *__*  magnifico e cavalleresco, un principe dai modi gentili e fieri, fedele, e pure sensuale con i suoi abbracci e i suoi baci, che nelle ultime puntate fioccano e fanno cedere le gambe a Shirayuki e a noi con lei. zen-and-shirayuki-akagami-no-shirayukihime-le-tazzine-di-yokoCome si fa a resistere a uno così?

La visione delle puntate è stata molto piacevole, ma il finale l’ho trovato un po’ troppo aperto, e quel “aspettami” che aleggia mi è sembrato inconcludente. Dà l’idea ci debba essere una terza stagione, speriamo che arrivi davvero. E’ un anime che vi consiglio tantissimo, guardatelo se ancora non l’avete fatto!

Pagina 1 di 2312345...1020...Ultima »

porta le tazzine nel tuo blog/sito

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 1 cuore

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 2 stella

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 3 cerchio

guarda il codice

logo LE TAZZINE DI YOKO verde logo LE TAZZINE DI YOKO giallo logo LE TAZZINE DI YOKO arancio logo LE TAZZINE DI YOKO nero
logo LE TAZZINE DI YOKO fuxia logo LE TAZZINE DI YOKO viola logo LE TAZZINE DI YOKO azzurro logo LE TAZZINE DI YOKO rosso

guarda il codice

Sorry:

- Instagram feed not found.

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.

le amiche tazzine