Recensione di “Quello che c’è tra noi” di Huntley Fitzpatrick

Huntley Fitzpatrick - le tazzine di yoko

Buongiorno followers,
oggi vi parlo di “Quello che c’è tra noi” di Huntley Fitzpatrick. Young adult targato De Agostini da cui sono stata subito attratta, infatti appena uscito (il 17 di questo mese) non ho resistito e sono corsa a comprarlo!

Sappiate che il suddetto libro è il Best First Book Finalist per i RITA Awards (ovvero il più prestigioso premio letterario americano per gli scrittori di romanzi rosa), oltre ad essere in fase di pubblicazione in ben 8 Paesi.
L’aspettativa era tanta, tantissima ed è stata premiata in larga quantità 😀

Una storia d’amore tenera e ironica, un vortice inarrestabile di emozioni.

nel piattino abbiamo: contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / romance 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / young adult 01 - compulsivamente lettrice - 9 biscotto young adult sul blog letterario de le tazzine di yoko
QUELLO CHE Ce TRA NOI - le tazzine di yoko

Quello che c’è tra noi

(My Life Next Door)
Huntley Fitzpatrick
Edito da DeAgostini
– uscita 17 giugno 2014 –
€ 14,90

TRAMA DELL’EDITORE
I Garrett sono l’esatto contrario dei Reed. Chiassosi, incasinati, espansivi. E non c’è giorno che, a insaputa di sua madre, Samantha Reed non passi a spiarli dal tetto di casa sua, desiderando essere come loro… finché, in una calda sera d’estate, Jason Garrett scavalca la recinzione che separa le due proprietà e si arrampica sul pergolato per raggiungerla.

Da quel momento tutto cambia e, prima ancora di rendersene conto, Sam inizia a trascorrere ogni momento libero con il paziente e dolce Jase, a cui piace fare tutto quello “che richiede tempo e attenzione”, come dedicarsi agli animali, riparare oggetti rotti e soprattutto… provare a far breccia nel cuore della sua diffidente vicina. Perché non c’è nulla di più appagante che riuscire a strappare un sorriso alla ragazza della porta accanto.

RECENSIONE DI YOKO:
Non da cinque tazzine, ma da quattro e un pò
tazzinaUPtazzinaUPtazzinaUPtazzinaUP+tazzinaDOWN

Chi mi conosce lo sa, raggiungere le mie cinque tazzine non è difficile, è difficilissimo! Perciò anche se a questo libro non le ho date piene prendetemi in parola quando scrivo che questo è davvero un bel young adult. Ha tutto quello che un libro di questo genere dovrebbe avere: ironia, attrazione, emozione, deluzione, prese di conscienza e consapevolezza.
Penso che se l’avessi letto a diciott’anni l’avrei eletto a mio libro preferito.

La trama si concentra su due vicini di casa e la loro quotidianità, due vicini che non potrebbero essere più diversi.
Samantha, la protagonista, non è una tipica adolescenze scavezzacollo, sembra invero più matura della sua età e sa cosa vuol dire prendere delle scelte e perseguirle. E’ pacata, gentile, schietta, con una sorella eccentrica e una madre quasi mai presente.
Da un occhio esterno si potrebbe dire che Sam sia perfetta, che la sua vita lo sia.

Come sempre, il contrasto tra il nostro giardino e quello dei Garrett è estremo: come Dorothy nel Mago di Oz, che esce dal bianco e nero e si ritrova in un mondo in technicolor.
E’ carina, bionda, ricca, va bene a scuola, vive in una grande casa e sua madre è la senatrice in carica per la prossima campagna elettorale. La verità però ci descrive una ragazza che non si sente speciale, con una sola vera amica poco presente, una madre che vede appena solo la mattina e la sera e una grande casa che parla di solitudine.
Jason Garrett dal canto suo invece è molto scavezzacollo, basti pensare che vede la ragazza nel sottotetto della casa accanto e si arrampica sulla facciata per raggiungerla. E’ il terzo figlio di otto della famiglia che occupa la casa accanto a quella di Samantha, una famiglia allegra, rumorosa, casinista e anche un pò disordinata che la senatrice Reed guarda con disprezzo ma che affascina la figlia che sotto sotto ne ammira l’armonia ogni sera dal suo posticino nel sottotetto.
Jace entra nella vita di Sam come una sorso di vita, non con prepotenza ma con gentilezza. Offre il suo aiuto per quei piccoli lavori manuali in cui è tanto bravo, la attira tra le sue braccia con la promessa di un abbraccio caldo, di una persona presente e di un contorno famigliare che non sembra freddo come il suo.My-Life-Next-Door - le tazzine di yoko

E’ solo che sei molto diversa da quello che mi aspettavo? »
« Che ti aspettavi… quando? »
« Quando ti osservavo seduta sul tetto. Per anni. »
« Mi hai osservato per anni? » Mi sento arrossire di nuovo. « Non me l’hai detto. »
« Anni e anni. Certo che non te l’ho detto. Sapevo che ci spiavi. Non capivo perchè non venivi direttamente da noi. Pensavo… che magari fossi timida… o snob… non lo sapevo. Non ti conoscevo, Sam. Però non riuscivo a non guardarti anch’io. »
« Perchè sono irresistibile e affascinante? » Alzo gli occhi al cielo.
« Ti vedevo dalla finestra della cucina, a cena o quando nuotavo in piscina di notte, e mi chiedevo cosa ti passasse per la testa. Sembravi sempre calma, tranquilla, perfetta. Ma… » Non finisce la frase, si scompiglia di nuovo i capelli. « Sei meno… più… ti preferisco adesso. »
« In che senso? »
« Mi piace averti qui, in carne e ossa, a sopportare tutto questo delirio… George, Andy, Harry, e anch’io, temo… con la calma che hai. Mi piace la persona che sei davvero. »

Jace c’è.
E’ letteralmente il cavaliere senza macchia e senza paura che non la lascebbe mai affondare da sola e l’ho adorato per questo. E’ un tipo spontaneo, ma anche riflessivo… bisogna esserlo con Sam. La adora e credo che sotto sotto si ripeta costantemente che è troppo per lui, che viene da una famiglia povera e sgangherata, ma che ha quello che manca a quella di Samantha: l’unione.
citazione da quello che c'è tra noi su le tazzine di yokoSam è da subito attratta dalla sua solidità, dai sui scintillanti occhi verdi, dal sorriso sempre presente, dal suo fisico mozzafiato. Il loro è un sentimento che nasce, cresce e chiede sempre di più fino quasi a spaventarla. Si sente trascinata verso di lui come da una calamita di un polo opposto.
E loro insieme sono davvero bellisimi. Sono come due tessere di un puzzle che, seppur diverse, combaciano alla perfezione.

Poi ovviamente ci sono i problemi: una madre che non vuol sentire neanche nominare i Garrett, il nuovo “giovane collaboratore” della senatrice Reed sempre in casa quelle rare volte in cui è con sua madre, l’amico strafatto con seri problemi esistenziali, l’unica amica su cui contare che volta le spalle e si rivela un’altra persona da quella che pensava e cose ancora più gravi.
“Quello che c’è tra noi” è una fiaba con tanto di principe azzurro e una principessa da salvare, ma una fiaba moderna che descrive due protagonisti reali, con la loro vita e i loro problemi, che vogliono stare insieme… non importa quello che accade.

Una lettura che si fa leggere, letteralmente divorata.

Una storia d’amore perfetta” _Kirkus Reviews

2 commenti
  1. *__* credo che sarà il prossimo libro che leggerò *-*

  2. yoko

    fai fai ^_^ la coppia Sam e Jace è davvero un amore!

Scrivi un commento

porta le tazzine nel tuo blog/sito

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 1 cuore

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 2 stella

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 3 cerchio

guarda il codice

logo LE TAZZINE DI YOKO verde logo LE TAZZINE DI YOKO giallo logo LE TAZZINE DI YOKO arancio logo LE TAZZINE DI YOKO nero
logo LE TAZZINE DI YOKO fuxia logo LE TAZZINE DI YOKO viola logo LE TAZZINE DI YOKO azzurro logo LE TAZZINE DI YOKO rosso

guarda il codice

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.

le amiche tazzine