Recensione alla seconda stagione di Outlander

my view of tea sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica telefilm

Buon giorno cuplovers!
Oggi torniamo a parlare di serie tv con la seconda stagione di Outlander, siete pronti a tornare indietro nel tempo?

nel piattino abbiamo: un pizzico di paranormal 01 - compulsivamente lettrice - 5 croassant paranormal sul blog letterario de le tazzine di yoko / love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / storico 01 - compulsivamente lettrice - 7 pasticcino storico sul blog letterario de le tazzine di yoko

Outlander

CREATO Ronald D. Moore
BASATO SUll’omonima saga scritta da Diana Gabaldon
STAGIONI 2 -in corso-

Il mio voto è di tazzinaUP_ministregaDELcrepuscolotazzinaUP_ministregaDELcrepuscolotazzinaUP_ministregaDELcrepuscolotazzinaUP_ministregaDELcrepuscolo

La seconda stagione di Outlander mi è piaciuta molto complice anche il fatto che la prima parte è ambientata in Francia tra intrighi di corte e complotti e, come forse avrete capito, io amo questo tipo di storie… (vedi Reign e The White Queen). La seconda stagione si apre catapultandoci nel presente, Claire è tornata nel suo tempo dove, nonostante tutto, suo marito Frank la sta ancora aspettando. Il povero Frank è il personaggio più bistrattato di questa serie (ne riparlerò più avanti), sua moglie, sparita per settimane, ritorna all’improvviso, incinta di un altro uomo… e per di più lo tratta male! Certo l’incredibile somiglianza di Frank con Jonathan Randall non aiuta Claire ma… pover’uomo!
Perché Claire è tornata nel suo tempo? C’entra qualcosa il fatto che sia incinta? Cosa ne è stato di Jaime? La prima puntata ci lascia con mille domande che troveranno risposta man mano che la serie va avanti.

In Francia, Claire e Jaime sono decisi a entrare nella cerchia del principe Charles Stuart in modo da sabotare la rivolta ancora prima che cominci, la loro missione è impedire la battaglia di Culloden, battaglia dove gli scozzesi vennero sconfitti dagli inglesi. Idea, questa, che mi ha lasciato con non pochi dubbi. Ebbene sì perché, nel corso della serie, nessuno, nemmeno Claire, si è chiesto: cosa succederà se dovessimo riuscire nel nostro intento? Come cambierà il futuro se gli scozzesi dovessero vincere la battaglia di Culloden o se la battaglia non avvenisse?Ma, del resto, che importa? (Ironia mode ON)

Claire e Jaime, aiutati dal fedele Murtagh, messo a parte dell’intera storia, cercheranno di entrare nelle grazie di Charles Stuart che si rivelerà un uomo debole, fanatico e convinto che tutto avvenga per grazia divina, che la sua pretesa sulla Scozia sia benedetta e che, quindi, vincerà per forza (credici). L’attore che ha interpretato Charles è stato bravissimo a rendere la sua follia, perché sarà ben presto chiaro che il principe è solo un gran sognatore ma, di fatto, non è in grado di guidare una battaglia, figuriamoci una ribellione!
In Francia, Claire e Jaime si fanno un nuovo nemico, il conte di Saint- Germain e ne ritroveranno uno vecchio: Randall. Mi è piaciuto molto il Conte tuttavia, mi sarebbe piaciuto saperne di più su di lui, mi sarebbe piaciuto che avesse più spazio, finalmente un nuovo cattivo, finalmente sfuggiamo all’onnipresente Randall che, per quanto l’attore sia bravissimo, aveva cominciato un po’ a stufare… e invece no! Perché l’odioso Randall deve fare la sua apparizione anche in Francia dove pratica il suo sport preferito prendendosela con il povero Fergus. Fergus è una delle new entry di questa stagione, ladruncolo di strada, sveglio e simpatico entra ben presto nelle simpatie di Claire e Jaime che lo considerano un po’ come un figlio. Ed è proprio per via di Fergus che Jaime finirà nei guai.
Randall si conferma essere un personaggio squallido, mostrerà solo in un caso un barlume di umanità ma, per il resto, è uno dei migliori villan delle serie tv. Il povero Fergus viene sorpreso dall’uomo a rubare nella sua stanza e, senza pensarci nemmeno per un secondo, Randall violenta il bambino che, disperato, chiama Jaime in suo soccorso. Compresa la situazione, Jaime decide di chiudere i conti con Black Jack Randall una volta per tutte e lo sfida a duello per ucciderlo. Nonostante io odi Randall rimane un piccolo problema: Frank. E, per la prima volta, anche Claire sembra ricordarsene. In una delle scene più disperate della stagione, Claire arriva di corsa sul luogo del duello per fermare Jaime che riesce a pugnalare Randall purtroppo la corsa, lo stress e la paura hanno un prezzo altissimo e la povera Claire perde la sua bambina.

L’interpretazione dell’attrice è veramente straziante (Caitrona è bravissima) e, ad aiutarla, ci saranno l’unica amica che si è fatta in Francia, Louise e il fantastico mastro Raymond l’astuto erborista acerrimo nemico del conte di Saint Germain. Il personaggio di Louise è un altro che avrebbe forse potuto dare di più, mi piacerebbe rivederla così come vorrei rivedere Raymond. Jaime ha molto da farsi perdonare e il rapporto tra Jaime e Claire ne uscirà rafforzato. Purtroppo, nonostante tutto, i tentativi di Jaime e Claire per fermare la rivolta sul nascere falliscono, Jaime decide quindi di aiutare il principe a vincere la ribellione contro gli inglesi.
Si può cambiare la storia o tutto risulterà vano? Tra battaglie, complotti, mosse disperate, nuovi e vecchi personaggi affiancheranno Claire e Jaime in questa seconda stagione.
Questa stagione mi è piaciuta e il finale è perfetto per incuriosire lo spettatore. Gli attori sono molto bravi, i regular hanno riconfermato la loro bravura ma anche i nuovi membri del cast sono di tutto rispetto! Se non fosse per alcune piccole cose di cui per vari motivi parlerò nella sezione spoiler avrei dato un voto più alto.
A voi è piaciuta?

ATTENZIONE, DA QUI SONO PRESENTI SUL FINALE spoiler

Ebbene eccoci alle note dolenti che riguardano tutte la parte finale della stagione. Come ho già scritto, nonostante tutti i loro tentativi, Claire e Jaime non riescono ad impedire alla storia di fare il suo corso e la battaglia di Culloden avrà comunque luogo… ora, premesso che, magari la terza stagione sarà incentrata su questo… anche se ne dubito, dopo che, per tutta la stagione, bene o male, si parla di Culloden, alla fine, la battaglia non viene mostrata? Mi sento presa in giro!

Jaime, dopo essere stato costretto ad uccidere lo zio Dougal, dopo aver visto morire Colum (gran personaggio ho adorato il tentativo fallito di rappacificazione tra lui e Dougal, tristissimo epilogo per un rapporto tra fratelli che avrebbe potuto essere splendido) e dopo aver scoperto la verità su Frank (che non discende direttamente da Jonathan Randall ma dal di lui fratello, Alex) con Culloden alle porte decide di mettere al sicuro Claire costringendola ad attraversare le pietre. Amo questo lato di Jaime, il suo mettere sempre Claire al primo posto, l’essere disposto a rinunciare a lei, volerla al sicuro con un brav’uomo piuttosto che al suo fianco ma in pericolo.

Nel finale di stagione troviamo Claire, nel presente, con sua figlia Brianna ormai cresciuta. Frank è morto… hanno vissuto insieme per lunghi anni, lui è stato un padre meraviglioso per Brianna che ha cresciuto come se fosse sua e di tutto questo periodo di tempo cosa vediamo? Niente. Anzi, la sensazione che ho avuto è di insofferenza da parte di Claire, verso un uomo che le ha solo voluto bene che ha accettato di crescere una figlia non sua, che ha creduto alla sua storia e che ha accettato di stare al fianco di una donna che non lo ama come lui ama lei… Insomma, povero Frank, meritava decisamente di più. Mi ha dato fastidio come Claire cerchi di sminuire Frank agli occhi della figlia sottolineando come il suo vero padre e suo grande amore sia Jaime… ma possibile che non provasse il minimo affetto per Frank?
Claire cerca, invano, di fermare Geillis che, nella sua epoca, è viva e sta per attraversare le Pietre… sul funzionamento delle pietre sarebbe necessaria qualche spiegazione… Geillis attraversa le pietre DOPO il primo viaggio nel passato di Claire eppure giunge nel passato PRIMA di Claire… lei attraverserà per la seconda volta, si suppone, poco dopo, ma arriverà nel passato anni dopo, suppongo… qualche spiegazione sarebbe gradita! Insomma non ci si capisce nulla…
Detto questo la seconda stagione mi è piaciuta e ve la consiglio! Il cast è bravissimo, la fotografia e i costumi sono molto belli, la serie si segue con piacere anche se non mi coinvolge come altre serie tv.

Se amate le serie tv date uno sguardo alla nostra pagina QUI.

NELLE STAGIONI PRECEDENTI DI OUTLANDER

STAGIONE 1

7 commenti
  1. Bello, bello, bello

  2. Adoro questa serie, non vedo l’ora che esca la prossima stagione ma ci stanno mettendo una vita

    • yoko

      è vero 🙁 l’hanno annunciata per settembre, ci faranno aspettare più di un anno sob dicono che hanno perso tempo per via degli spostastamenti tra Scozia e America del Sud

      • strega del crepuscolo (Chiari)

        Allora l’ho vista giusto in tempo! Pochi mesi e posso vedermi la terza!

  3. Che gran colpo di scena alla fine, mi sta piacendo tantissimo questa serie! Ammetto che quando è iniziato al presente pensavo fosse l’ultima stagione, sono contenta di essermi sbagliata

  4. Adoro i libri e non posso fare a meno di adorare questa serie tv spero facciano tutti i libri e non la tronchino a metà

    • strega del crepuscolo (Chiari)

      Speriamo *_* purtroppo dipende dagli ascolti…

Scrivi un commento

porta le tazzine nel tuo blog/sito

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 1 cuore

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 2 stella

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 3 cerchio

guarda il codice

logo LE TAZZINE DI YOKO verde logo LE TAZZINE DI YOKO giallo logo LE TAZZINE DI YOKO arancio logo LE TAZZINE DI YOKO nero
logo LE TAZZINE DI YOKO fuxia logo LE TAZZINE DI YOKO viola logo LE TAZZINE DI YOKO azzurro logo LE TAZZINE DI YOKO rosso

guarda il codice

Sorry:

- Instagram feed not found.

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.

le amiche tazzine