Recensione a “Con un poco di zucchero” di Chiara Parenti

Buon giorno cuplovers! Oggi vi parlo di “Con un poco di zucchero” di Chiara Parenti.
Matteo ha perso tutto: la fidanzata e il lavoro, la sua vita sembra in standby ed è costretto a stare a casa della sorella dove i suoi due nipoti non fanno che combinare disastri dalla mattina alla sera. A sconvolgere la vita di tutti loro ci pensa l’arrivo della strana, allegra e bizzarra Tata Katie pronta a portare scompiglio nelle loro vite e nel cuore di Matteo.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko

Con un poco di zucchero 

A volte per aggiustare le cose basta davvero un po’ di zucchero
Chiara Parenti
Edito da Rizzoli (30 ottobre 2014)
Pagine 144
€ 2,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
A trent’anni suonati Matteo Gallo, aspirante scrittore senza soldi e senza speranze, è costretto a vivere con la sorella Beatrice e “loro”, Rachele e Gabriele, i due scatenatissimi nipotini. Nessuna delle tate finora ingaggiate è riuscita a domarli. Ma ecco che, come per magia, un pomeriggio di fine settembre, un forte vento che spazza le nubi dal cielo porta tata Katie. Beatrice e i suoi bambini restano subito incantati da questa ragazza inglese un po’ stravagante e scombinata, che fa yoga, mangia verdure, va pazza per i dolci… e che con le sue storie fantastiche e i suoi giochi incredibili è in grado di cancellare l’amaro della vita. Matteo invece cercherà (o crederà) di sottrarsi al suo influsso: ma sarà tutto inutile, perché Katie compirà su di lui la magia più grande. Quella dell’amore. Dall’autrice del romanzo rivelazione dell’estate 2014 “Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)” una nuova, divertente e supercalifragilistichespiralidosa storia d’amore, che fa rivivere il mito di Mary Poppins. Mood: Ironico – YouFeel è un universo di romanzi digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.

RECENSIONE DI STREGA DEL CREPUSCOLO:
Cinque tazzine… meno qualche piccolissima cosina.
tazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaMEZZA+_stregaDELcrepuscolo

“Con un poco di zucchero” si è rivelata una lettura divertente e dolcissima. Ho adorato Matteo con le sue battute e tata Katie per la sua dolcezza.

Matteo è a un punto morto della sua vita, la sua ragazza l’ha lasciato per un suo superiore ed è stato licenziato così, mentre cerca di finire il romanzo del secolo, vive a casa della sorella tormentato dai suoi terribili nipoti. Bea è un brillante avvocato penalista con due figli, un divorzio alle spalle e un pessimo gusto in fatto di uomini, visto che il fratello non sembra intenzionato a occuparsi dei nipoti e che tutte le tate scappano a gambe levate dopo pochi giorni assieme alle “piccole pesti” è alla ricerca dell’ennesima tata quando Katie Baker bussa alla loro porta.
Katie è decisamente sopra le righe e la prima impressione che Matteo ha di lei è a dir poco esilarante.

Sono sempre più convinto che il suo analista abbia fatto casino con le dosi degli psicofarmaci”.

Katie è allegra, divertente, adora inventare giochi e creare avventure immaginarie per i bambini, sembra vivere in un altro mondo e, anche se Matteo farà di tutto per evitarla, arrivando a chiudersi in camera a tentare di scrivere il suo nuovo romanzo horror, non riuscirà a scampare alle grinfie della terribile tata. Tata che lo incastrerà costringendolo a passare del tempo con i suoi nipoti al luna park. Matteo vorrebbe davvero continuare a fare il duro ma qualcosa, nel suo cuore, cambia e si rende conto che, dopotutto, i suoi nipoti non sono così male e che, cosa ancora più sorprendente, loro lo adorano. Il cuore di Matteo era congelato ed ora, pian piano, si sta sciogliendo e la cosa lo terrorizza.
I battibecchi e le frecciatine tra Matteo e Katie sono brillanti e divertenti ed è innegabile che sarebbero davvero una bella coppia anche se il nostro eroe è fermamente convinto che la ragazza lo stia avvelenando e no, non scherzo! Ovviamente, il nostro Matteo si sta innamorando di Katie ma… non se ne rende conto, anzi non prende nemmeno in considerazione l’idea, si convince addirittura di stare male eppure non riesce a smettere di leggere il blog di Katie e di arrabbiarsi perché lei non parla mai di lui.

Tra una litigata, un battibecco e una scenata di gelosia sarà necessaria la morte del nonno perché la situazione si sblocchi. Per la prima volta Matteo si rende conto che dietro alla facciata sempre così allegra e sopra le righe di Katie si nasconde una persona che è stata profondamente ferita dalla vita ma che non si è arresa e che ha affrontato le avversità con un sorriso. Katie è una ragazza forte, dolce e generosa vede in Matteo qualcosa che nemmeno lui riesce a vedere, ha fiducia in lui e questo è quello che lo spaventa di più.

Matteo riuscirà a superare le sue paure, a crescere, e, cosa più importante, a credere in se stesso? O permetterà alle sue insicurezze di rovinare tutto?
Matteo si trova intrappolato in un presente senza prospettive, non riesce a rimettersi in gioco e, con la scusa di scrivere il suo romanzo, non va avanti con la sua vita, non cerca un nuovo lavoro, non prende una decisione. Ha paura del futuro.
Matteo è un personaggio molto realistico, con le sue paure e le sue incertezze mascherate con battute di scherno. Non vuole mostrarsi per com’è davvero con l’amico di sempre, Stefano, con cui sente la necessità di spacciarsi per quello che non è. Come se far vedere che si è innamorato davvero della tata fosse una debolezza. Matteo dovrà crescere e maturare se non vuole perdere quello a cui tiene di più.
“Con un poco di zucchero” si è rivelato una bella lettura che mescola sapientemente scene divertenti e battute brillanti a momenti più seri. Matteo e Katie sono davvero una bella coppia e vi sarà impossibile non fare il tifo per loro.
Consigliato a chi cerca una storia romantica e divertente da leggere con il sorriso sulle labbra.

L’altro giorno stava intonando qualcosa che assomigliava a Profumo di Gianna Nannini mentre cambiava lo hobbit piccolo che si era fatto la cacca addosso, quando il povero Paul (il pappagallo) ha cominciato a sniffarsi le piume verniciate sperando forse di soffocare e morire.

ATTENZIONE, DA QUI SONO PRESENTI SUL FINALE spoiler

Sapevo che il nostro Teo avrebbe combinato qualche casino e che avrebbe rischiato di rovinare l’idillio tra lui e Katie. Ha paura di lasciarsi travolgere da lei e teme che, alla fine, lei lo lascerà come ha fatto la sua ex così scherza con l’amico Stefano spezzando il cuore della dolce Katie: riuscirà a riconquistarla?

Una scalinata, una tuta da Incredibile, un muro imbrattato e un romanzo horror trasformato in un romance riusciranno a riconquistare Katie?
Un romanzo dolce e divertente da leggere tutto d’un fiato.

ALTRI LIBRI DELL’AUTRICE RECENSITI SUL BLOG
Tutta colpa del mare

4 commenti
  1. Letto anni fa, ne ho sempre un bel ricordo 🙂 spero pubblichino altro di questa autrice

    • strega del crepuscolo (Chiari)

      é uscito di recente un suo romanzo con Garzanti.

  2. Tutta colpa del mare era bellissimo, questo non l’ho letto ma dalla tua recensione deduco che l’autrice non si sia arrugginita. Devo assolutamente leggerlo

  3. La leggerezza e l’ironia di questo libro mi hanno conquistata, spero che l’altro suo mi piaccia uguale, l’ho già acquistato e è tra le prossime letture da fare

Scrivi un commento

porta le tazzine nel tuo blog/sito

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 1 cuore

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 2 stella

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 3 cerchio

guarda il codice

logo LE TAZZINE DI YOKO verde logo LE TAZZINE DI YOKO giallo logo LE TAZZINE DI YOKO arancio logo LE TAZZINE DI YOKO nero
logo LE TAZZINE DI YOKO fuxia logo LE TAZZINE DI YOKO viola logo LE TAZZINE DI YOKO azzurro logo LE TAZZINE DI YOKO rosso

guarda il codice

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.

le amiche tazzine