Recensione a “Hai cambiato la mia vita” di Amy Harmon

Amy Harmon - le tazzine di yoko

Buongiorno a tutti, ho letto “Hai cambiato la mia vita” di Amy Harmon, romanzo romance dalle sfumature thriller e paranormali uscito per Newton Compton a fine gennaio, e me ne sono innamorata.

Di Amy Harmon avevo già amato il profondo Sei il mio sole anche di notte”, il dolce “Infinito +1” e il drammatico “I cento colori del blu . Con questa nuova pubblicazione, l’autrice sfiora le vette di perfezione stilistica e di bellezza di “Sei il mio sole anche di notte”.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko

hai-cambiato-la-mia-vita-le-tazzine-di-yokoHai Cambiato La Mia Vita

(The Law of Moses)
Amy Harmon
Edito da Newton Compton Editori (26 gennaio 2017)
Pagine 384
€ 4,99 ebook – € 9,90 cartaceo
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Lo trovarono nel cesto della biancheria di una lavanderia a gettoni: aveva solo un paio di ore di vita. Lo chiamarono Moses. Quando dettero la notizia al telegiornale dissero che era il figlio di una tossicodipendente e che avrebbe avuto problemi di salute. Ho sempre immaginato quel “figlio del crack” con una gigantesca crepa che gli correva lungo il corpicino, come se si fosse rotto mentre nasceva. Sapevo che il crack si riferiva a ben altro, ma quell’immagine si cristallizzò nella mia mente. Forse fu questo ad attrarmi fin dall’inizio. È successo tutto prima che io nascessi, e quando incontrai Moses e mia madre mi raccontò la sua storia, era diventata una notizia vecchia e nessuno voleva avere a che fare con lui. La gente ama i bambini, anche i bambini malati. Anche i figli del crack. Ma i bambini poi crescono e diventano ragazzini e poi adolescenti. Nessuno vuole intorno a sé un adolescente incasinato. E Moses era molto incasinato. Ma era anche affascinante, e molto, molto bello. Stare con lui avrebbe cambiato la mia vita in un modo che non potevo immaginare. Forse sarei dovuta rimanere a distanza di sicurezza. Ma non ci sono riuscita. Così è cominciata una storia fatta di dolore e belle promesse, angoscia e guarigione, vita e morte. La nostra storia, una vera storia d’amore.

RECENSIONE DI VALY:
Cinque tazzine tondissime, direttamente nei miei preferiti!
tazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valytazzinaUP_valy

Purtroppo, scoprii che i miei gusti erano cambiati drasticamente, perchè i cowboy e i cantanti di musica country, per quanto sexy, erano stati surclassati dagli artisti eccentrici rinchiusi nei manicomi.

Ci sono due autrici di romance contemporaneo di cui compro i romanzi a occhi chiusi, o quasi: una è Colleen Hoover, e l’altra è Amy Harmon. Quando ho saputo della nuova pubblicazione della Harmon, ho gioito entusiasta e ho acquistato con fiducia cieca, restando lo stesso sorpresa ed emozionata alla fine della lettura. Perchè in “Hai cambiato la mia vita” vi è più di una attrazione fisica tra Georgia e Moses, vi è un elemento paranormale che mi ha lasciata esterrefatta fin dai primi capitoli.

Io pensavo di leggere un romance normale, invece mi sono ritrovata a seguire un protagonista maschile fortemente destabilizzato che vede i morti e li dipinge pure! Da folle amante del paranormale, e in particolar modo di argomenti relativi alla morte e alla vita dopo la morte, non potevo che andarci a nozze con Moses. Spiriti ovunque, quadri meravigliosi, un maneggio di cavalli e un ragazzo dal fascino conturbante, cosa potevo volere di più da una storia e per giunta della Harmon? In “Hai cambiato la mia vita” la spiritualità incontra l’arte, e infine si unisce alla passione e all’amore, per dare vita a una storia originale, tormentata e profonda che colpisce e resta nel cuore.

Il romanzo si apre con un prologo in cui si capisce che la storia che si sta iniziando ha come tema un amore senza fine, che però per qualche motivo è finito e ha fatto soffrire, e che si ricollegherà poi in modo perfetto all’epilogo. Con un prologo del genere, ci si aspetta già che qualcosa vada storto ai protagonisti, e che vi sia un alone di drammaticità a un certo punto,  l’ansia sale smisurata durante la lettura, grazie a una costruzione ricca di suspence, thriller e mistero, e fa fare mille congetture sui possibili finali (se ve lo state chiedendo, no, non ho indovinato quello giusto).

La storia si divide in due grandi parti: la prima parte che presenta i due protagonisti, li fa avvicinare e innamorare, e la seconda parte, ambientata sette anni dopo, che segue le loro vicende separatamente e ci fa capire che cosa è successo nel frattempo. Delle due parti ho apprezzato, da brava romantica, di più la prima, nella quale si approfondisce il personaggio fiero, determinato e avventato di Georgia, la quale vive con i suoi genitori insieme ai loro cavalli (interessante il lavoro di cura  delle persone attraverso lo specchiarsi con l’animale), e quello sensuale, pazzoide, e visionario di Moses, il quale abita solo con la nonna e non è in grado di controllare nè la sua sensibilità nè la sua arte.

Georgia ha una vera e propria fissazione per Moses, fa di tutto per conoscerlo e conquistarlo, lui così schivo e sulle sue, un ragazzo dal passato doloroso, ma che la attrae per la sua diversità e per la sua bellezza. Moses è lusingato delle attenzioni continue di Georgia, e di fronte alle sue avances esplicite e coraggiose, anche se sa di doversi tirare indietro a causa della sua vita spericolata sul confine tra due mondi che lei non immagina neanche, cede, mettendo in chiaro che si tratta solo di sesso.  Moses potrebbe anche provare qualcosa per Georgia, ma l’amore non è tra le sue priorità, considerato che spiriti di donne morte continuano a fargli visita, e che per cacciarle via non può fare altro che dipingere, senza mai fermarsi, in qualcunque posto e a qualasiai orario. Come faranno due persone dalle esperienze di vita così distanti a superare le difficoltà della morte, le intrusioni dall’Aldilà e uno sconosciuto killer ancora a piede libero, restando uniti?

Il romanzo fa riflettere e commuovere, ammette l’esistenza di una vita dopo la morte e dei fantasmi, e regala momenti passionali e teneri, tristi e di felicità, attraverso una scrittura fluida e poetica e mediante l’uso di punti di vista alternati tra Georgia e Moses che fanno amare a ogni pagina di più i protagonisti (specie Moses, ehm ehm, il mio artista pazzo preferito ihihi). 

Assolutamente, leggetevi “Hai cambiato la mia vita”, perchè ci sono tante frasi e situazioni che sono sicura potrebbero cambiare anche la vostra di vita!

 

Un assaggio di…? #4 Indovinate il titolo del libro da un breve estratto!

un assaggio di sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica indovina estratto

Buona sera cuplovers!
Torna “Un assaggio di…”, il nostro gioco dove dovete indovinare il titolo del libro da un breve estratto.
Il primo che indovina si aggiudicherà un punto che servirà per aggiudicarsi il premio finale (più info qui).

La volta scorsa l’estratto è stato indovinato da Michela Martorelli e proveniva da “Il fuoco degli angeli” il romanzo conclusivo della trilogia Word & Void di Terry Brooks, una trilogia meravigliosa che narra della lotta millenaria tra il Verbo e il Vuoto. Cavalieri del Verbo VS Demoni ovvero i Cavalieri del Vuoto. Nonostante abbia letto questa trilogia tanti, ma tanti, anni fa la ricordo con piacere. Adoravo John Ross e non ho mai perdonato del tutto il finale al buon Terry Brooks.

Adesso lasciamo spazio al nuovo estratto:

Se tutte le persone riuscissero a creare un contatto così profondo con le cose che succedono intorno a loro credo che il mondo forse…
… il mondo forse risplenderebbe di un’unica grande luce, di un bagliore irresistibile generato da tutte le stelle unite, di un fulgore visibile anche nel buio più pesto
.”

Chi sarà il più veloce a indovinare?

PS: se nessuno indovinerà l’estratto, la prossima volta vi daremo altri indizi.

Anteprima di “Obsession”, torna la serie Lux con dei protagonisti inaspettati

i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime

Buongiorno cucchiaini ^_^ ad aprile la serie Lux tornerà nelle nostre librerie con uno spin-off dedicato a un personaggio che personalmente non mi sarei mai aspettata: un Arum! Chi non ha dimestichezza con la serie sappia che gli Arum sono i classici cattivi, gli alinei nemici giurati dei Luxen, ed è davvero strano vederli come protagonisti…. che la Armentrout voglia mischiare ancora una volta le carte in tavola e farci apparire le cose diversamente da quelle che ci eravamo immaginati?

“Obsession” sarà un libro autoconclusivo, che potrete leggere senza problemi anche voi che non letto gli altri libri della saga, perchè l’unica cosa che sarà uguale sarà il contesto paranormale in cui si svolgeranno le vicende. Una gioia per gli amanti della serie, un ritorno singolare che non mancherà di incuriosire e trascinare tra le sue pagine tutti gli amanti del paranormal che unisce new adult e suspense.

Obsession

(Obsession)
Jennifer L. Armentrout
Edito da Giunti Editore (19 aprile 2017)
€ 14,00 cartaceo – € 8,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Arrogante, prepotente, affascinante… Hunter è un killer spietato ingaggiato dal Dipartimento della Difesa per eliminare i cattivi. In genere si gode il suo lavoro, finché non gli verrà affidato un ruolo insolito: fronteggiare il proprio nemico mortale per proteggere un umano. Serena non credeva alla sua migliore amica, convinta di aver visto il figlio di un potente senatore trasformarsi in un essere… alieno. Chi del resto le avrebbe creduto? Ma quando sarà Serena stessa ad assistere all’omicidio dell’amica per mano dell’alieno, scoprirà un mondo pronto a ucciderla pur di proteggere i propri segreti. Detesta Hunter, ma non può fare a meno di desiderarlo. E presto accadrà l’impensabile: Hunter si metterà contro il governo per difendere Serena. Ma sono gli alieni e il governo la peggiore minaccia per la vita di Serena… o lo è Hunter?

Lo prenderete? *-*

serie Lux

  1. Obsidian (Obsidian)
  2. Onyx (Onyx)
  3. Opal (Opal)
  4. Origin (Origin)
  5. Opposition (Opposition)
[clicca sui link rossi per leggere la recensione ;)]

prequel:
1.5 Shadows (Shadows)

Recensione a “Beauty and the Cyborg” di Miriam Ciraolo

Buon giorno cuplovers!
Oggi vi parlo di “Beauty and the Cyborg” di Miriam Ciraolo, il romanzo che andrà in premio al fan più attivo di marzo.

La Nuova Notte ha condannato al buio eterno il Nido di Spine e chiunque tenta di far tornare l’elettricità è condannato a morte, lo sa bene Bellatrice Sparks in fuga dopo aver infranto la legge dei Cyborg. In un mondo dove la luce è proibita, Bellatrice riuscirà a trovare la sua strada?

nel piattino abbiamo:
love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yokofantasy classico- retelling 01 - compulsivamente lettrice - 3 torta fantasy sul blog letterario de le tazzine di yoko / distopico 01 - compulsivamente lettrice - 2 lampone distopici sul blog letterario de le tazzine di yoko / fantascienza 01 - compulsivamente lettrice - 1 bastoncino fantascienza sul blog letterario de le tazzine di yoko

Beauty and the Cyborg 

Miriam Ciraolo
Selfpublishing (18 dicembre 2015)
Pagine 388
€ 12,94 cartaceo – € 1,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
E se questa storia iniziasse con: C’era una volta l’elettricità? Il Nido di Spine è una cittadina francese dove la corrente elettrica non scorre più come un tempo. Dopo una guerra chiamata “Nuova Notte” gli equilibri mondiali sono cambiati e i continenti sono stati messi in ginocchio dai Cyborg, esseri privi di anima che torturano innocenti. In un mondo dove la parola scritta è vietata e gli esperimenti elettrici sono punibili con la morte, si muove la ricercata Bellatrice Sparks. Lei sa leggere, sa scrivere e dal giorno in cui ha fatto funzionare una torcia elettrica nella sua città, è costretta a fuggire per salvaguardare la sua famiglia. Rapita dai trafficanti di schiave viene venduta ai sovrani di Elettra. Ma in un castello dove l’elettricità pulsa ancora un essere ignoto si aggira nell’ombra. Per fronteggiare l’enigmatica creatura e per riabbracciare la sua famiglia, Bellatrice dovrà sottrarsi agli inganni della proibita e misteriosa Ala Ovest del castello. Ma deve fare molta attenzione, cosa si cela dietro la maschera dell’odio?

RECENSIONE DI STREGA DEL CREPUSCOLO:
Quattro tazzine e mezzo!
tazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaMEZZA_stregaDELcrepuscolo

Beauty and the Cyborg si è rivelata una bella lettura, il mondo creato dall’autrice è originale e ben strutturato e i personaggi sono ben delineati. La favola della Bella e la Bestia rivive tra queste pagine in una veste distopica e futuristica davvero interessante.

Bellatrice vive al Nido di Spine, un luogo privo di speranza dove la notte è illuminata solo dalla luce delle stelle e dove i cyborg governano con la paura e il terrore mentre, nella capitale, i lucenti vivono in mondo pieno di luce. Bellatrice si ritrova ricercata dopo aver tentato di far funzionare una torcia, costretta ad abbandonare i suoi cari, si ritrova su un treno sotterraneo, dove finisce prigioniera con un gruppo di schiave destinate a servire Elettra: la capitale di luce.
L’autrice è riuscita a creare un mondo ben strutturato, ricco di meraviglie tecnologiche e, allo stesso tempo, antico. Alla modernità della tecnologia di Elettra fa da contrasto il sistema monarchico e un mondo dove, alla ricchezza della capitale, fa da contrasto l’estrema povertà delle città. A Elettra lo stato sociale è la cosa più importante e, affinché sia subito chiaro chi si ha di fronte, esiste la pratica della pigmentazione. Il colore degli occhi degli abitanti viene cambiato artificialmente a seconda dello stato sociale. Ammetto di non aver mai letto nulla del genere, ho trovato l’idea molto originale e interessante. Secondo questa suddivisione, gli schiavi hanno occhi neri o marroni, il ceto medio e gli artisti hanno occhi verdi, mentre ai nobili è riservato l’azzurro.

Bellatrice viene selezionata come schiava dalla principessa Lulabelle e portata a palazzo, tanto il Nido di Spine era buio, tanto Elettra è splendente. La luce elettrica viene sfoggiata e utilizzata all’eccesso, anche quando non ce n’è bisogno, diventando un simbolo di ricchezza e potere. Bellatrice è riuscita a spacciarsi per una comune schiava di nome Rose, consapevole che, se scoprissero che lei è la ricercata del Nido di Spine, la sua sorte sarebbe ben peggiore. La vita a Elettra è incredibilmente lussuosa e anche le cose più comuni sono diverse da come le conosciamo, dalla polvere che si usa per lavarsi al posto dell’acqua, agli armadi parlanti, perfino il modo di salutarsi è diverso e ha molteplici significati.

Ho apprezzato l’originalità di Elettra e come l’autrice ha curato ogni più piccolo particolare del suo mondo.
Ad Elettra, Bellatrice, fa la conoscenza del principe Aston e della principessa Lulabelle. Tanto Lulabelle sembra gentile, tanto Aston è prepotente, egocentrico e crudele. Aston è abituato ad avere tutto quello che vuole usando il suo potere oppure la forza bruta, cerca la violenza e la crea con le sue caccie virtuali, dove uccide animali veri in un ambiente virtuale. Aston si è rivelato un personaggio davvero odioso e non c’è stato un solo momento in cui ho provato altro che antipatia verso di lui, da questo punto di vista, si è rivelato un buon cattivo: detestabile sotto tutti i punti di vista.
Nei primi giorni al castello, Bellatrice fa la conoscenza del simpatico Lumer, il tecnico che si occupa degli impianti elettrici e comincerà a sentire strane voci sull’Ala Ovest. Strane storie dicono che nell’Ala Ovest del palazzo viva una bestia e che chi ha la sventura di finire in quell’ala del castello perde la memoria. Quale segreto vi si cela?
Chi è l’uomo misterioso che lascia messaggi criptici nella stanza di Bellatrice? Chi si cela dietro i panni dell’Ombra dall’occhio rosso? E se non fossero i reali a detenere davvero il potere? Chi tira i fili da dietro le quinte?

Un principe dimenticato, un amore che sboccia lentamente, una maledizione da spezzare. Il vero amore riuscirà a sconfiggere le tenebre e riportare la luce?
Un buon romanzo che si legge con piacere con un’ambientazione estremamente curata, tante invenzioni tecnologiche interessanti e un’adorabile principe cyborg.

ATTENZIONE, DA QUI SONO PRESENTI SUL FINALE spoiler

Ho adorato Alec e la sua triste storia, quella di un bambino ammalatosi di cancro solare a causa dell’esposizione a una tempesta solare, l’unico modo per salvarlo era quello di farlo diventare un cyborg ma il re, suo nonno, non poteva accettare l’onta di un nipote cyborg così annunciò la sua morte seppellendo una bambola di cera al posto suo. Per questo nessuno può sapere dell’esistenza di Alec, il principe ereditario il cui cuore è prigioniero in una teca di vetro.

Ho amato la dolcezza di Alec, la sua delicatezza verso Bellatrice e il suo desiderio di vederla felice anche a discapito della sua felicità, mi è spiaciuto quando l’ho visto così privo di speranza e sono contenta che il finale abbia lasciato aperto uno spiraglio alla loro felicità.
Non mi è piaciuta la “rediviva” madre di Bellatrice e capo della Lox, anche se agisce per una giusta causa non si è fatta scrupolo a usare la sua stessa figlia, a fingere di guarire Alec per poi ricattare il re (l’allora nonno di Alec) e a mettere in pericolo la vita del principe.
Il finale mi è piaciuto: il Nido di Spine è al sicuro dagli spietati cyborg della Evaborg, Alec sta guarendo, lui, Bellatrice, Lum e Lulabelle partono con la missione di liberare tutte le altre città dal giogo della Evaborg. Il finale da un lato fa intendere un lieto fine dove la Evaborg verrà completamente sconfitta, dall’altro lascia più di uno spiraglio per un possibile seguito.

Una bella storia che si legge con piacere, in grado di portare il lettore in un mondo affascinante diviso tra luce e oscurità. Se amate i retelling non perdetevi questo romanzo! Se l’avete già letto vi consiglio di provare Cinder.

QUALCHE INFO SULL’AUTORE
Miriam Ciraolo vive a Messina. La sua principale passione è l’arte e ritiene che i libri siano il vero 3D della mente, per questo motivo ama leggere e scrivere. Grafica, disegnatrice e blogger con La vera storia di Cupido edito dalla Rosa dei Venti edizioni, ha realizzato il suo primo sogno da scrittrice. Chemical Games è la sua prima trilogia, una saga urban fantasy che ha ideato grazie al suo interesse per la tavola periodica e per gli elementi chimici. L’autrice reputa il suo ultimo libro Beauty and the Cyborg la sua opera più luminosa.

Titoli interessanti che troverete in libreria dal 28 marzo!

i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime

Buon pomeriggio cucchiaini 🙂 tra due giorni arriveranno nelle nostre librerie alcuni titoli decisamente interessanti. Vi ho già parlato dell’uscita per quel giorno di “Passenger” e “Birthdate“, ma a questi si aggiungeranno anche il nuovo libro di Jessica Park e Terry Brooks.

Terry Brooks torna in libreria la saga dedicata a I difensori di Shannara, con il terzo e ultimo libro, pronto a mettere la ciliegina sulla torta su una serie che non lo smentisce come uno dei maestri più acclamati del fantasy.

nel piattino abbiamo: fantasy classico 01 - compulsivamente lettrice - 3 torta fantasy sul blog letterario de le tazzine di yoko

La figlia dello stregone

Terry Brooks
Edito da Mondadori (28 marzo 2017)
Pagine 384
€ 20,00 cartaceo – € 9,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Come sogno, come magia, così si enunciano le leggende meravigliose di Shannara. Nella ricostruzione prodigiosa della vasta città di Arishaig, nel carisma malvagio di Arcannen Rai, nella vertiginosa altezza della Torre della Fenice, nell’amore struggente che lega Paxon e Leofur Rai, nel sublime Canto Magico che tutti gli elementi controlla, nella micidiale potenza delle armi a raggi ustori, nell’indifferente crudeltà di uno Sleath, e ancora nella misteriosa sparizione di Crysallin e nelle ombre paurose che accerchiano la Fortezza dei Druidi. Con l’avventura estrema della luminosa Leofur, con la sua lotta all’ultimo sangue con il suo potente Padre, Terry Brooks ci consegna il terzo e ultimo libro dei “Difensori”.

Sempre il 28 di marzo uscirà anche il seguito di “Sei in ogni mio respiro”, secondo libro della serie Left Drowning di Jessica Park.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / new adult 01 - compulsivamente lettrice - 10 biscotto new adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

Non ti lascerò cadere

Jessica Park
Edito da Sperling & Kupfer (28 marzo 2017)
Pagine 320
€ 17,90 cartaceo – € 9,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto cartaceo
link diretto ebook

TRAMA
Dopo aver affrontato il proprio inferno personale, Blythe McGuire può finalmente guardare in faccia il suo futuro. Un futuro ormai inevitabilmente intrecciato a quello dei fratelli Shepherd. Con Chris, condivide un’incredibile storia d’amore. Con Sabin, un’intensa amicizia, che sta diventando ogni giorno più complicata e presto verrà messa alla prova. Perché ora è Sabin che rischia di annegare, sopraffatto da un passato difficile che ancora lo ossessiona. Il suo tormento minaccia di trascinare tutti e tre in acque pericolose. E anche se Blythe è riuscita a superare il proprio dolore e salvare se stessa, salvare Sabin potrebbe essere, per lei, la sfida più grande di sempre.

Oltre a questi vi segnalo anche l’uscita di un nuovo libro, il quarto credo, della serie Berling, io personalmente non sto seguendo la saga ma forse a qualcuno di voi potrebbe interessare 😉

Li stavate aspettando???

Pagina 20 di 342« Prima...10...1819202122...304050...Ultima »

porta le tazzine nel tuo blog/sito

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 1 cuore

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 2 stella

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 3 cerchio

guarda il codice

logo LE TAZZINE DI YOKO verde logo LE TAZZINE DI YOKO giallo logo LE TAZZINE DI YOKO arancio logo LE TAZZINE DI YOKO nero
logo LE TAZZINE DI YOKO fuxia logo LE TAZZINE DI YOKO viola logo LE TAZZINE DI YOKO azzurro logo LE TAZZINE DI YOKO rosso

guarda il codice

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.

le amiche tazzine