Anteprima del paranormale romance “Il Risveglio” di Ashlyn Mckyle

i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime

Buon giorno cuplovers, oggi vi segnaliamo l’uscita di Il Risveglio, un paranormal romance che arriverà su amazon a settembre.
Dopo la morte della nonna la vita di Theresa è a un bivio, il suo strano potere diventa sempre più difficile da controllare, la ragazza dovrà fare i conti con un passato dimenticato e con un mondo che credeva essere solo il frutto di una fantasia.

nel piattino abbiamo: paranormal 01 - compulsivamente lettrice - 5 croassant paranormal sul blog letterario de le tazzine di yoko / love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko

Il Risveglio 

Ashlyn Mckyle
Selfpublished (10 settembre 2017)
Pagine 437
€ 2,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’AUTORE

Questo è il luogo in cui sei stata concepita, quello in cui la trama e l’ordito si sono intrecciati per assumere nuove sembianze. Il tessuto di cui sei fatta è pregno di una forza che attinge alla terra stessa…”

Lei è un’arma, ma ancora non lo sa. Loro la vogliono. Loro la cercano da prima della nascita dell’uomo e non si fermeranno sino a quando non raggiungeranno i loro scopi.

Tornata in Irlanda per il funerale dell’amata nonna, la vita di Theresa è a un bivio. Lì, nel luogo in cui ha vissuto la sua infanzia, lo strano potere che da sempre l’accompagna diventa man mano più incontrollabile, costringendola a fare i conti con un passato dimenticato e con un mondo che credeva essere il frutto di un’inquietante fantasia.
E chi è veramente Mikhail MacMouldon, l’ammaliante esecutore testamentario di Mairie MacCallen, che sembra così interessato a lei? Solo un uomo ricco e terribilmente affascinante che vuole un’altra donna da esporre nella sua collezione di conquiste o, piuttosto, una creatura senza tempo, dai grandi poteri, che intende appropriarsi delle capacità di Theresa e utilizzarle per i propri scopi?
Uno di loro?
I ricordi di Theresa sono stati celati per anni, per proteggerla, ma il momento del suo Risveglio è giunto. Ora dovrà solo scegliere da che parte stare. Vita o Morte?

Che ne dite? Vi ispira?

Rubrica Indovina l’infuso #10 – quanto ricordate le cover dei vostri libri?

Pronti per una nuova puntata della rubrica “Indovina l’infuso”? 😉
Il libro della puntata precedente era “The Glittering Court” di Richelle Mead ed è stato indovinato da Alexandra Scarlatto, a cui va un +1 per il raggiungimento del premio finale (più info QUI).
Vediamo questa volta chi sarà il più veloce a indovinare il titolo del libro dalla piccola porzione di cover che lasciamo.

Aguzzate la vista, pronti, partenza… via!

Se nessuno indovina, passati tre giorni, allargheremo di poco la porzione 😀

NB: a fine anno chi avrà vinto più volte riceverà un nostro premio!

Recensione al manga yaoi “Ten Count” di Rihito Takarai

Buon giorno cuplover,
sono rispuntata in questa afosissima giornata per parlarvi di un manga yaoi carinissimo: “Ten Count” di Rihito Takarai. Tutti quelli che mi conoscono sanno che ultimamente la fushoji che era in me si è risvegliata e mi sono dedicata molto a questo tipo di letture. Molti manga di questo genere hanno trame davvero pessime, ma Ten Count è un piccolo gioiellino (almeno per ora) e quindi ho pensato di proporvelo.

nel piattino abbiamo:  yaoi 02 - malatamente otaku - 4 torta shounen-ai e yaoi sul blog letterario de le tazzine di yoko  … romantico, commedia, sentimentale.

Ten Count

Titolo italiano: ancora sconosciuto
di Rihito Takarai
VOLUMI: 5 (in corso)
annunciato da Jpop

RECENSIONE DI MIKI:
Un bel manga, quattro tazzine tonde tonde.
tazzina miki uptazzina miki uptazzina miki uptazzina miki uptazzinaDOWN

Shirotani Tadaomi è il segretario di un dirigente di una grande compagnia che soffre di misofobia. L’uomo infatti portare costantemente i guanti e evita qualunque contatto fisico. Sembra che per lui anche solo stringere la mano di qualcuno sia impossibile.
Un giorno, a causa di un incidente, la sua strada incrocia quella di Riku Kurose, uno psichiatra, che gli offre il suo aiuto per curare la misofobia. L’uomo propone a Shirotani di scrivere sul suo taccuino un elenco di dieci cose mettendo al primo posto quella che sicuramente sarebbe riuscito a portare a termine, mentre all’ultimo quella che gli sembrava più impossibile.
Shirotani prova a scriverlo, lasciando però l’ultimo numero vuoto, incapace di pensare a cosa metterci.
Kurose gli propone di aiutarlo come amico a vincere la sua misofobia, completando le cose segnate sull’elenco… ma ben presto quella che è nata come un’amicizia inizia a cambiare e le cose per Shirotani prenderanno pieghe a dir poco inaspettate…

Le cose si scaldano più in fretta di quanto possa sembrare possibile dalla trama… Kurose non è esattamente il tipo che si tira indietro o che… ehm… come posso dire? Insomma, gente, è uno yaoi con tutte le conseguenze del caso. Questo però vuol dire solo che ci saranno delle scene vietate ai minori, ma non che non ci sarà una trama.

Rihito Takarai è una delle rare mangaka che disegna yaoi e che riesce a creare delle storie interessanti e coinvolgenti, in cui la trama ha sempre un suo spessore e un suo intreccio particolarmente curato anche se a volte non troppo complicato. Ten Count non fa eccezione: i personaggi qui sono molto sfaccettati e interessanti, niente di quello che succede nella storia è buttato lì a caso ma ha una sua ragione specifica. Certo i sentimenti dei protagonisti fanno da filo conduttore e le vicende non hanno pieghe tali da ripercuotersi su larga scala, come accadeva ad esempio in Blood Bank, ma questo  non significa che manchi di spessore.

Devo dire che ciò che mi è piaciuto tantissimo, a primo impatto, è stata proprio l’idea di partenza di questa storia: il protagonista rifugge con tutto se stesso il contatto fisico, quindi non è assolutamente abituato a niente, nemmeno a stringere una mano. Per lui si tratta di qualcosa di immenso, troppo difficile da fare. L’autrice ha creato un protagonista così e lo ha usato in uno yaoi. Pensateci.. All’inizio io ero convinta che sarebbe stato come il suo altro lavoro “Solo i fiori sanno” (edito in Italia da Flashbook), in cui il sesso c’è giusto alla fine dei tre volumi e il resto è storia. Invece no e la cosa strana è che ci sta bene, non è ingombrante né per la storia, che viene comunque sviluppata, né per i personaggi. Certo a un certo punto l’ho trovato un po’ troppo ricorrente, ma è uno yaoi infondo.

In definitiva Ten Count è uno dei rarissimi yaoi che ha un suo perchè. Chi come me lì legge sa bene che le autrici possono tirare fuori le peggio schifezze in questi manga e che Ten Count è qualcosa di davvero particolare, un gioiellino da non perdere. Senza contare che da solo, il tratto della Takarai è un motivo sufficiente per comprarsi almeno un volume! Guardate che disegni!

Il problema essenziale però è che non è concluso, questo vuol dire che l’autrice è ancora in tempo per fare del casino. Mentre aspettiamo di conosce la nostra sorte possiamo però goderci i disegni, che io trovo a dir poco meravigliosi.

Jpop ha annunciato la pubblicazione di questo manga che è un po’ come sentirsi dire che la propria canzone preferita è stata scritta da un serial killer. Consiglio vivamente di leggere il manga in inglese e di comprarlo SOLO una volta conclusa la pubblicazione (quindi, se va tutto bene, tra 5/6 anni).

Recensione di “The Winner’s Curse” di Marie Rutkoski

Buon pomeriggio cucchiaini 🙂 ho appena finito di leggere “The Winner’s Curse” di Marie Rutkoski e non posso fare altro che raccontarvi quanto ne sono rimasta affascinata.
E’ un libro scritto davvero bene, intelligente, di quelli che catturano. La lettura ideale per tutti coloro che amano le ambientazioni fantasy, gli historical e i romanzi young adul.
nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / young adult 01 - compulsivamente lettrice - 9 biscotto young adult sul blog letterario de le tazzine di yoko/ fantasy classico 01 - compulsivamente lettrice - 3 torta fantasy sul blog letterario de le tazzine di yoko

The winner’s curse.
La maledizione

Marie Rutkoski
Edito da Leggereditore (27 luglio 2017)
Pagine 384
€ 4,90 ebook – € 14,90 cartaceo
link per acquisto cartaceo

TRAMA DELL’EDITORE
In quanto figlia di un potente generale di un vasto impero che riduce in schiavitù i popoli conquistati, la diciassettenne Kestrel ha sempre goduto di una vita privilegiata. Ma adesso si trova davanti a una scelta difficile: arruolarsi nell’esercito oppure sposarsi. La ragazza, però, ha ben altre intenzioni… Nel giovane Arin, uno schiavo in vendita all’asta, Kestrel ha trovato uno spirito gentile e a lei affine. Gli occhi di lui, che sembrano sfidare tutto e tutti, l’hanno spinta a seguire il proprio istinto e a comprarlo senza pensare alle possibili conseguenze. E così, inaspettatamente, Kestrel si ritrova a dover nascondere l’amore che inizia a sentire per Arin, un sentimento che si intensifica giorno dopo giorno. Ma la ragazza non sa che anche il giovane schiavo nasconde un segreto e che per stare insieme i due amanti dovranno accettare di tradire la loro gente o altrimenti tradire sé stessi per rimanere fedeli al proprio popolo. Kestrel imparerà velocemente che il prezzo da pagare per l’uomo che ama è molto più alto di quello che avrebbe mai potuto immaginare…

RECENSIONE DI YOKO:
Davvero bello, quattro tazzine e mezzo!
tazzinaUPtazzinaUPtazzinaUPtazzinaUPtazzinaMEZZA

Ero molto incuriosita da “The Winner’s Curse”. Il libro è stato proposto da alcune blogger che lo avevano caldamente consigliato in un incontro a Roma con l’editore e mi era rimansto impresso, facendomi coltivare una buona dose di aspettativa, fortemente ripagata perchè “The Winner’s Curse” mi ha totalmente stregata. Arrivata a un terzo del libro macinavo pagine senza neanche accorgermene, volevo sapere cosa succedeva, ero ossessionata dallo svolgersi degli eventi e dai suoi risvolti inaspettati. I personaggi sono vivi, si rivelano più intelligenti di quel che possono sembrare all’inizio e giocano l’uno contro l’altra, pur cercando di conservare qualcosa che li possa unire anche dopo che le carte saranno scoperte sul tavolo.

La cover, per altro bellissima e molto azzeccata *sono contenta che l’abbiano mantenuta uguale all’originale*, e l’essere etichettato come fantasy potrebbe far pensare alla presenza di magia o creature soprannaturali, qui invece l’aspetto fantasy è legato solamente all’ambientazione inventata dall’autrice. Kestrel è una valoriana, il suo popolo sta conquistando la maggior parte del mondo conosciuto. Sono barbari dediti alla guerra, con un’educazione quasi militare. Nelle loro espansioni hanno imparato molto dai popoli sottomessi e ne hanno mantenuto alcuni tradizioni, come l’utilizzo di coltello e forchetta. Arin invece è un herrano, popolo sottomesso e conquistato dai valoriani, seppur all’apparenza più erudito. Me li sono immaginati un po’ come i pololi delle invasioni barbariche ai tempi dei romani, dove i valoriani sono i barbari e gli herrani i romani.

Kestrel ha una mente attenta, meticolosa, astuta, vive la vita come se stesse giocando a una partita a Mordi e Pungi (un gioca di carte che si potrebbe paragonare al gioco degli scacchi in quanto a difficoltà). E’ un’insolita valoriana, è attenta a non recare troppo disturbo agli schiavi, non ha propensione per la guerra se non dal punto di vista strategico e le piace suonare il piano *una specie di tabù per quelli come lei*. E’ un gran bel personaggio, intelligente, che nota più cose di quelle che vuol dare a vedere, ma che aimè non noterà qualcosa che le starà davanti al naso…. o forse semplicemente ha scelto di non prendere in considerazione l’evidenza accecata da ben altro.

Arin sta per essere venduto come schiavo, è un ragazzo nel fiore degli anni, forte, decisamente attraente e dall’aria agressiva. Lo sguardo bellicoso promette guai, ma Kestrel se ne sente così attratta da acquistarlo per una cifra spropositata, i suoi occhi le ricordano lei quando si scontra contro il padre per imporre le sue decisioni di non volersi sposare, nè di entrare a far parte dell’esercito. E mentre lei si muoverà tra le spire dell’alta società e la sua lotta personale contro il generale suo padre, Arin farà le sue mosse per tramare contro il popolo valoriano, cercando di rimanere immune al fascino della sua padrona. Inutile dirvi che non ce la farà, ma la fine per loro due non è forse scontata? Se le cose rimanessero così Arin per lei rimarrebbe sempre e solo una schiavo agli occhi dei valoriani e se le losche idee dei ribelli andassero a buon fine potrà mai Kestrel vedere Arin per l’uomo innamorato di lei che è e non la spia e l’usurpatore che si rivelerebbe?

Arin si insinuerà sempre più nella vita di Kestrel e nel suo cuore e lui arriverà a vedere il suo animo nobile e brillante sotto alla facciata aristocratica. Entrambi rimarranno fedeli a se stessi dall’inizio alla fine, molto diversi ma con una mente molto arguta, tanto da tenersi testa in più punti del libro. Le cose per i due non sono facili, ma c’è dolcezza in più di un gesto. Arin mi ha davvero fatto molta tenerezza nel suo volerla proteggere a tutti i costi.
Spero di vederli insieme nel prossimo libro perchè aimè il finale di questo è molto cliffhanger sob sob speriamo di non dover attendere troppo il seguito, non so quanto resisto prima di comprarmelo in lingua!

The Winner’s Trilogy

  1. The Winner’s Curse. La maledizione (The Winner’s Curse)
  2. The Winner’s Crime
  3. The Winner’s Kiss

Sul nostro blog la notte di San Lorenzo ritornano a piovere tazzine!

la notte dei desideri - le tazzine di yoko

Passate la Notte di San Lorenzo con noi e affidatevi al cielo stellato… potreste essere i fortunati a vincere i pacchetti misteriosi!

Ogni anno, nella Notte di San Lorenzo, tra il 9 e il 10 agosto, il cielo viene solcato da tante stelle cadenti e il cosmo si tinge di magia. Dal buio, se si guarda con attenzione e si è fortunati, si possono vedere brillare scie luminose sopra di noi e si può godere di uno spettacolo unico e romantico. A esse, secondo la tradizione, si può affidare la realizzazione di un desiderio da custodire gelosamente. Oggi ci sarà la Notte dei desideri, come canta anche Jovanotti nella sua celebre canzone (vedo stelle che cadono, è la notte dei desideri… 😉 sostituiamo stelle con tazzine e siamo a posto!) e noi ne siamo affascinate! Come per ogni momento o occasione bella da ricordare, desideriamo passarla con voi!

Questa volta per la nostra iniziativa di San Lorenzo abbiamo in palio per voi tre libri cartacei misteriosi di cui vi daremo però alcuni indizi:

  1.  il primo romanzo è uno young adult contemporaneo uscito quest’anno. Un libro che si legge d’un fiato, intenso nella sua semplicità. Genuino, introspettivo e con protagonisti intelligenti, davvero una bella lettura che vi regaliamo con piacere 🙂
  2. Il secondo libro è anch’esso uscito quest’anno, dai toni più adulti rispetto al primo in palio. Un contemporaneo tra passato e presente, sulle tracce di un quadro che unisce i destini di due famiglie.
  3. Il terzo libro ha un titolo decisamente a tema con la nostra iniziativa. Un thriller che sa di salsedine, con una protagonista che da piccola trovava sempre la strada di casa grazie alle stelle.

COSA FARE PER PARTECIPARE?

Fateci avere la vostra stella 🙂 una foto, un disegno o semplicemente un link a un’immagine che ritragga una stella, come quelle che speriamo di vedere in questa notte magica. Va bene metterla qui, sulla nostra piattaforma blogger o sulla pagina dell’evento su facebook. Diteci inoltre la vostra graduatoria di preferenza dei libri misteriosi ( 2-3-1 oppure 1-3-2) nei commenti.

L’estrazione, tra coloro che ci avranno fatto avere l’immagine sarà a sorte, per cui dovrete anche come al solito compilare il form sottostante per permettere all’applicazione di estrarre il vostro nome (SOLO se avete problemi col form scriveteci la vostra mail qui o a yokochan@hotmail.it e vi inseriremo noi).
Inoltre è come al solito possibile ottenere punti extra e aggiungere il vostro nome più di una volta, così che avrete più possibilità al momento dell’estrazione.

Come ottenere punti extra:

  • potete seguirci sulla nostra pagina facebook (no? Allora inizia ora!) il form calcolerà automaticamente un +2;
  • se ci seguite su Twitter @letazzinediyoko (no? Allora inizia ora!) il form calcolerà automaticamente un +2;
  • se ci seguite su Pinterest (no? Allora inizia ora!) il form calcolerà automaticamente un +2;
  • se ci seguite su Instagram (no? Allora inizia ora!) il form calcolerà automaticamente un +2;
  • se siete iscritti al nostro canale YouTube (no? Allora inizia ora!) il form calcolerà automaticamente un +2;
  • vi daremo inoltre un +2 se siete lettori fissi sulla nostra piattaforma blogger
  • condivi questo post sui tuoi social taggandoci con # o @ per un +3
a Rafflecopter giveaway

In bocca al lupo a tutti 😉 che le stelle *ops, tazzine* siano con voi!
Il give scade domenica 13 agosto a mezzanotte, per allora noi saremo in vacanza per cui ci scuserete ma l’invio dei libri ai tre vincitori arriverà solo al nostro ritorno.

Pagina 2 di 35412345...102030...Ultima »

porta le tazzine nel tuo blog/sito

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 1 cuore

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 2 stella

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 3 cerchio

guarda il codice

logo LE TAZZINE DI YOKO verde logo LE TAZZINE DI YOKO giallo logo LE TAZZINE DI YOKO arancio logo LE TAZZINE DI YOKO nero
logo LE TAZZINE DI YOKO fuxia logo LE TAZZINE DI YOKO viola logo LE TAZZINE DI YOKO azzurro logo LE TAZZINE DI YOKO rosso

guarda il codice

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.

le amiche tazzine