Recensione a “Scarlet” di Marissa Meyer

Buonpomeriggio cuplovers!
Oggi vi parlo di “Scarlet” di Marissa Meyer, il secondo volume delle Cronache Lunari.
Siete pronti a tornare nel mondo creato da Marissa Meyer, scoprire la sorte di Cinder e fare la conoscenza di una nuova protagonista?

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko /fantascienza 01 - compulsivamente lettrice - 1 bastoncino fantascienza sul blog letterario de le tazzine di yoko

Scarlet

(Scarlet)
Marissa Meyer
Edito da Mondadori Chrysalide (30 aprile 2013)
Pagine 428
€ 17,00 cartaceo – € 4,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Anno 126, Terza Era. Androidi e umani popolano le strade di Nuova Pechino, sotto lo sguardo implacabile degli abitanti della Luna. Cinder, giovane cyborg e legittima erede al trono lunare, evade dalla prigione in cui è stata rinchiusa per partire alla volta di Parigi, alla ricerca della donna che in passato l’ha nascosta dalla malvagia Regina Levana. Il suo destino si intreccia a quello di Scarlet, giovane contadina francese costretta ad abbandonare la sua fattoria per ritrovare la nonna, scomparsa senza lasciare traccia. Insieme, con l’aiuto dell’ambiguo Wolf, esperto di combattimenti clandestini, e dell’affascinante cadetto Carswell Thorne, Scarlet e Cinder scopriranno di dover combattere un nemico comune: la Regina Levana, pronta a scatenare la guerra per indurre il principe Kai a sposarla e affermare la supremazia dei Lunari sulla Terra. Vigilata da una luna ostile e minacciosa, Scarlet, moderna Cappuccetto Rosso, dovrà attraversare una città insidiosa come il profondo del bosco, e scoprire se dietro il conturbante Wolf si nasconde un alleato… o un predatore.

RECENSIONE DI STREGA DEL CREPUSCOLO
Una bella lettura, quattro tazzine tonde tonde
tazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaDOWN

Dopo aver letto Cinder ero curiosa di leggere il secondo romanzo della saga e scoprire il destino della principessa Selene e del principe Kai. Questo secondo volume è più ricco di azione, vedremo le forze della terribile Regina Levana all’opera, seguiremo i passi di Cinder alla ricerca del suo passato e faremo la conoscenza di Scarlet, moderna Cappuccetto Rosso, alla ricerca di sua nonna.
Cinder e Scarlet sono entrambe protagoniste di questo secondo volume che, a capitoli alterni, ci narra le vicissitudini delle due ragazze.

La storia si apre con la scomparsa dell’amata nonna di Scarlet, la ragazza è disperata perché nessuno in città sembra disposto ad aiutarla. Sua nonna è considerata da tutti una donna bizzarra e nessuno si preoccupa per lei, convinti che si tratti solo dell’ennesima bizzarria. Ben presto la strada di Scarlet incrocia quella di Wolf, un lottatore di poche parole in fuga dalla sua vecchia vita e desideroso di trovare un lavoro normale.
A dare il via all’avventura di Scarlet ci pensa il ritorno improvviso del padre. L’uomo ha abbandonato la figlia e la madre anni prima, scomparendo nel nulla. Fin dalla sua prima apparizione mi è parso un uomo debole e disperato: chi lo ha torturato? Che cosa sta cercando con tanto accanimento? Qualcuno ha rapito la nonna di Scarlet per via di un segreto gelosamente custodito: com’è possibile che la ragazza non ne sappia nulla?
Il rapporto tra nonna e nipote è molto forte, la donna ha cresciuto Scarlet da sola, nell’isolamento della campagna, è sempre stata l’unico punto fermo nell’esistenza della ragazza e tra di loro non ci sono mai stati segreti… o, almeno, Scarlet ne era convinta. Ma, più Scarlet scaverà nel passato della donna, più si renderà conto che la nonna le ha nascosto moltissime cose.

A capitoli alterni ritroviamo Cinder intenta a fuggire dalla prigione dove il suo amato Kai l’ha fatta rinchiudere. Per sua fortuna sulla sua strada incontrerà l’affascinante e brillante Capitano Thorne, uomo dalle mille risorse che accompagnerà Cinder nella sua fuga e la aiuterà più di una volta. Thorne si è rivelato un personaggio simpatico, carismatico e pieno di risorse. Mi piace davvero molto.
Nel mentre, a palazzo, il principe Kai… non fa nulla di utile. Nonostante nel primo volume Kai non mi fosse dispiaciuto, ho cambiato opinione su di lui. Kai si ritrova dilaniato tra il suo dovere di re e il suo amore per Cinder. La Regina Levana vuole che Cinder sia catturata e consegnata a lei, altrimenti attaccherà la terra. Senza contare che la donna possiede l’unico farmaco in grado di curare la letumosi, la terribile malattia che sta decimando la popolazione della terra. Da un lato, Kai vorrebbe proteggere Cinder, dall’altro consegnarla a Levana potrebbe essere l’unico modo per salvare il suo regno dalla distruzione. Così se, da un lato, ordina ai suoi soldati di catturarla, dall’altro spera che lei riesca a fuggire.
Quello che mi irrita di Kai è la sua completa mancanza di spina dorsale. All’inizio sembra intenzionato a non soccombere a Levana ma non prova nemmeno a combatterla. Certo, i lunari sono innaturalmente forti, sono dotati di poteri che i terrestri non hanno, ma lui non prova nemmeno a combattere. Non si è mai chiesto se esiste qualcuno immune ai poteri dei lunari, non ha mai pensato anche solo di tentare di scoprire dove si trovano i laboratori lunari per rubare il farmaco per la Letumosi, nonostante la tecnologia terrestre sia così avanzata, non hanno mai pensato di provare a creare uno scudo o un qualsiasi strumento per contrastare i poteri dei lunari. In Kai vedo solo rassegnazione all’inevitabile resa della Terra certo, gli attacchi dei lunari sono stati brutali e hanno generato terrore e disperazione ma arrendersi non è la scelta giusta.  In tutto questo, Kai non è nemmeno stato sfiorato dalla possibilità che Cinder sia la principessa Selene. Per quale altro motivo Levana dovrebbe accanirsi a tal punto contro una semplice lunare? Solo per un commento inopportuno? Credo che sarebbe troppo, perfino per Levana. Peccato che il nostro principe non è molto scaltro e, quindi, non è nemmeno sfiorato dal sospetto.

Nel corso della lettura avrei voluto più volte fermare Scarlet per impedirle di finire in trappola, per costringerla a riflettere… La ragazza è disperata per il rapimento della nonna ed è disposta a tutto per salvarla, peccato che la sua soluzione sia buttarsi a capofitto nel pericolo. Riuscirà a salvare l’amata nonna o finirà solo nei guai? Può davvero fidarsi di Wolf e dell’attrazione che entrambi provano l’uno per l’altra?

Un romanzo ricco d’azione, tra fughe disperate, battaglie, misteri da svelare e un pizzico di romanticismo, le strade di Cinder e di Scarlet finiranno per incrociarsi e le due ragazze scopriranno che le loro storie si sono già incrociate.

ATTENZIONE, DA QUI SONO PRESENTI SUL FINALE spoiler

Sinceramente… lo sapevo che Wolf avrebbe tradito Scarlet. L’affascinante Wolf non è altro che un lunare, un membro delle Operazioni Speciali Lunari agli ordini di Levana ma, altrettanto ovviamente, alla fine sceglierà l’amore per Scarlet e la salverà da morte certa. Grazie a Wolf, Scarlet riesce a uscire dalla sua cella e a trovare sua nonna. Purtroppo è tardi, la donna è in condizioni troppo gravi e userà le sue ultime parole per salvare la vita all’amata nipote.
Mi sarebbe piaciuto scoprire più cose su Michelle Benoit, sul suo viaggio sulla luna e sul nonno di Scarlet, e soprattutto, capire perché la donna accettò di nascondere Cinder. Il romanzo si chiude con una Cinder più consapevole dei suoi desideri e, per la prima volta, con un piano concreto per riprendersi il suo trono e sconfiggere Levana: riuscirà a metterlo in pratica? Troverà delle persone pronte a lottare con lei?
La strada per conquistare il trono che le spetta di diritto è piena di pericoli e difficoltà ma adesso Cinder non è più sola.

Una bella lettura, scorrevole e avvincente che si distacca molto dalla favola originale pur mantenendone gli elementi principali.

Lunar Chronicles (Cronache Lunari)

  1. Cinder (Cinder)
  2. Scarlet (Scarlet)
  3. Cress (Cress)
  4. Winter (Winter)

Anteprima di “Una moglie per Winterborne” di Lisa Kleypas

i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime

Sapete quanto ami la Kleypas, non potevo perciò non segnalarvi l’uscita imminente di un suo nuovo libro 🙂
“Una moglie per Winterborne” arriverà nelle nostre librerie i primi di maggio. E’ il seocondo libro della serie The Ravenels, iniziata con “Un libertino dal cuore di ghiaccio”.
Lisa Kleypas ci farà conoscere l’ambizione e l’arroganza di Rhys Winterborne, uomo di umili origini che si è elevato dai bassifondi e ha conquistato la ricchezza. Le sue mire si sono posate ora su Lady Helen Ravenel, ma non sa che ciò che può sembrargli un gioco da ragazzi si rivelerà un vero e proprio osso duro.

Personalmente non vedo l’ora di leggere questa nuova opera di una delle mie scrittrici preferite, spero di ritrovarvi la sua velata ironia, l’attenzione ai dettagli e quella dinamicità nella trama che tanto la distingue e fa apprezzare. Se non lo avete letto vi consiglio il primo della serie, una lettura davvero carinissima, in pieno stile Kleypas 😉

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / new adult 01 - compulsivamente lettrice - 10 biscotto new adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

Una moglie per Winterborne

(Marrying Winterborne)
Lisa Kleypas
Edito da Mondadori (9 maggio 2017)
Pagine 364
€ 6,99 ebook – € 12,50 cartaceo
link all’acquisto cartaceo
amzn-amazon-stock-logolink all’acquisto dell’ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Di umili origini, grazie alla sua sfrenata ambizione Rhys Winterborne ha ottenuto ricchezza e successo. È un uomo che sa sempre come ottenere ciò che vuole: e ora vuole l’aristocratica Lady Helen Ravenel. E se per costringerla a sposarlo dovrà rubarle la sua virtù, tanto meglio… Ma la seducente e timida Helen ha in serbo qualche sorpresa per il rude affarista.

Avete letto il primo della serie e lo stavate aspettando? 🙂

The Ravenels series

  1. Un libertino dal cuore di ghiaccio (Cold-Hearted Rake)
  2. Una moglie per Winterborne (Marrying Winterborne)
  3. Devil in Spring
  4. Hello Stranger _in America nel 2018

Recensione in anteprima a “The Fate of the Tearling”

Buon giorno cuplovers, siete pronti a tornare nel Tearling? “The Fate of the Tearling” è un romanzo davvero splendido, complesso, ricco di azione e magia, un romanzo in grado di far riflettere il lettore su molte cose. Una lettura travolgente che vi spingerà a divorare il libro pagina dopo pagina.

Uscirà in tutte le librerie il 4 di maggio, in quanti di voi lo stanno aspettando?

nel piattino abbiamo:  fantasy classico 01 - compulsivamente lettrice - 3 torta fantasy sul blog letterario de le tazzine di yoko

The Fate of the Tearling

Erika Johansen
Edito da Multiplayer (4 maggio 2017)
Pagine 448
€ 19,00 cartaceo – € ? ebook

TRAMA DELL’EDITORE
In meno di un anno Kelsea Glynn, dall’adolescente impacciata che era, è diventata una sovrana sicura di sé. Mentre maturava nel suo ruolo di regina del Tearling, questa leader testarda e lungimirante ha trasformato il regno intero. Nel suo tentativo di eliminare la corruzione e riportare la giustizia, si è fatta numerosi nemici tra i quali la terribile regina rossa, la sua rivale più feroce, che ha rivolto l’esercito contro il Tearling. Per proteggere la sua gente da un’invasione devastante, Kelsea ha fatto l’impensabile: si è consegnata, con i suoi zaffiri magici, al nemico, facendosi sostituire sul trono da Mazza Chiodata, il fidato comandante della sua guardia personale, cui ha affidato il ruolo di reggente. Ma questi non ha intenzione di chiudere occhio finché, con l’aiuto dei suoi uomini, non sarà riuscito a salvare la regina, prigioniera nel Mortmesne. Qui inizia l’emozionante capitolo finale, nel quale il destino della regina Kelsea e dell’intero Tearling saranno finalmente rivelati.

RECENSIONE DI STREGA DEL CREPUSCOLO:
Cinque tazzine… meno qualche piccolissima cosina.
tazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaUP_stregaDELcrepuscolotazzinaMEZZA+_stregaDELcrepuscolo

Ho amato The Fate of the Tearling e spero davvero che ci sia un seguito, vorrei tanto un altro volume!
L’autrice in quest’ultimo romanzo ci svela tutti i retroscena del passato, rivelando una storia complessa che porta il lettore a porsi dei quesiti interessanti sulla struttura stessa della società.

Kelsea è prigioniera della Regina Rossa e Mazza Chiodata, nominato suo reggente, cerca disperatamente un modo per salvare la sua regina, a tener compagnia a Kelsea nel suo lungo viaggio ci pensa il passato di Katie, le visioni di un passato lontano, ai tempi della nascita del Tearling. William Tear voleva realizzare la sua visione del Mondo Migliore, sfuggito a un mondo dove un governo tirannico controllava e spiava i cittadini, voleva creare un luogo basato sull’uguaglianza dove tutti hanno le stesse cose, una città basata sulla condivisione, priva di armi, dove tutti vivono in armonia. Eppure, delle visioni sul futuro, preoccupano William tanto che decide di creare una squadra di guardie a protezione di suo figlio Jonathan, mentre qualcuno, (animali?) scavano nelle tombe. E la stessa Katie, che pure crede nella visione di Tear, si ritroverà spesso combattuta tra i suoi desideri egoistici e il bene della città.

Kelsea viene condotta a Demesne la capitale del Mortmesne un regno la cui fine sembra segnata, all’interno c’è la rivolta guidata da Levieux e, dall’esterno, incombe l’avanzata dell’Essere Oscuro (Rowland Finn) finalmente libero dalla sua prigione e intenzionato a uccidere la Regina Rossa per vendicarsi di lei. Ho apprezzato molto il personaggio della Regina Rossa e il legame che si crea tra lei e Kelsea. Evelyn è sempre stata la bambina non voluta, figlia bastarda della Bella Regina, desiderava più di ogni altra cosa l’amore della madre che, invece, la vendette ai Cadaresi per stipulare un accordo. Per la Bella Regina, Evelyn non era altro che merce di scambio e l’ardente desiderio della giovane di essere accettata dalla madre si focalizzò sul possesso degli zaffiri del Tearling, come se, solo possedendo i gioielli che, da generazioni, appartengono ai reali potesse ottenere quel posto nella famiglia reale che le è stato negato. Mentre la Regina Rossa si trova accerchiata da nemici su ogni lato si renderà dolorosamente conto di essere sola, le sue stesse guardie non sono interessate a salvarla e perfino il suo alleato più prezioso, il fido generale Ducarte, la disprezza. Possibile che l’unica persona in grado di comprenderla sia anche la sua nemica? Rossa e Kelsea instaurano un rapporto davvero particolare, hanno un nemico in comune, un nemico che, lasciato libero, distruggerà tutto quello che amano ed è così che le due donne stringeranno un patto per sconfiggere Rowland Finn. Scavando nel passato, Kelsea spera di trovare il punto debole di Row, riuscirà a individuarlo prima che sia troppo tardi?

Row Finn è un buon personaggio, un bel cattivo, di cui, almeno all’inizio, si possono comprendere le motivazioni. Lui e la Regina Rossa hanno molto in comune ma Row si è spinto oltre un limite, ed è arrivato a tradire i suoi amici. Ogni romanzo ha bisogno di un buon villain e lui lo è: divorato dall’odio verso un padre che l’ha abbandonato, sottovalutato da tutti, intelligente, spietato. Mi è piaciuto moltissimo e avrei voluto fin leggere qualcosa di più su di lui.
Mentre il passato si fa finalmente chiaro e il presente sembra perduto, Kelsea dovrà prendere la decisione più importante di tutte. Riuscirà a sacrificare tutto quello che ha per il bene del Tearling?
Un bellissimo romanzo, complesso, con personaggi meravigliosamente caratterizzati e una storia che vi lascerà senza fiato, il finale lascia aperte molte porte a un seguito che, spero ardentemente, l’autrice abbia intenzione di scrivere.

ATTENZIONE, DA QUI SONO PRESENTI SUL FINALE spoiler

Non mi aspettavo che Elyssa fosse viva, la regina si rivela essere davvero una donna vuota e superficiale, capricciosa, egoista, sembra una bambina e sinceramente, ho avuto il sospetto che abbia qualche ritardo mentale, mentre la vera identità del padre di Kelsea… mi ha un po’ delusa, si tratta di Mhurn, la guardia traditrice che Kelsea ha personalmente giustiziato nel primo volume.
Row Finn voleva costruire un mondo dove chi è scaltro viene premiato e i pigri vengono puniti, un mondo, per dir la verità, piuttosto vicino al nostro. Peccato che questo desiderio sia offuscato dal suo odio verso William Tear, il padre che l’ha abbandonato che, dopo aver messo incinta sua madre, la lasciò per Lily e, pur sapendo che Row era suo figlio, non ha mai cercato un contatto con lui. Il sogno di William Tear di una città dove tutti sono uguali può davvero realizzarsi se lo stesso Tear era considerato speciale?
Row e i suoi compagni uccisero Jonathan Tear e Katie, che aveva acquisito la magia dei Tear, li maledisse tutti.
Nel momento di estremo pericolo, mentre i bambini di Row stanno per entrare nel castello, Kelsea indossa la corona e ne sfrutta il potere per cambiare il passato. Materializzatasi proprio poco prima della morte di Jonathan Tear, la ragazza uccide sia lui che Row Finn. Tornata nel presente, Kelsea si ritrova nella città creata da Katie. In questo nuovo mondo tutto sembra perfetto. Non esiste la monarchia, tutti hanno un lavoro, Kelsea è una ragazza normale, vive con sua madre, lavora nella biblioteca è tutto perfetto… se non fosse che… Kelsea si accorge con orrore che i suoi amici, le persone che ama e che, per lei, sono tutto, non la conoscono e, come se non bastasse, anche quelle che conosce sono diverse. Carlin, la sua madre adottiva, la donna che l’ha cresciuta, non è la Carlin che Kelsea ha sempre apprezzato, non è la donna dura ma giusta e saggia che conosce, anche se i suoi amici sono in quel mondo, non sono più le persone che amava. Kelsea ha un nuovo Tearling, un Tearling perfetto ma ha dovuto rinunciare a tutto per averlo.
Kelsea sparisce mentre Carlin le sta parlando, dimostrando che il mondo perfetto di Tear non può realizzarsi perché gli esseri umani sono egoisti e persino lei non può rinunciare a tutti quelli che ama, nemmeno per il mondo migliore. Dunque Kelsea fa ritorno nel vero Tearling… che cosa succederà? Riuscirà a usare il suo potere per contrastare l’esercito di Row, oppure morirà affianco ai suoi veri amici?
Purtroppo il finale non ci mostra nulla, ma, dagli stralci della “Storia del Tearling” che si trovano all’inizio di ogni capitolo (leggeteli con attenzione), sappiamo cosa succederà.

Un bellissimo romanzo che vi consiglio davvero di leggere.

Saga del Tearling

  1. The Queen of the Tearling (The Queen of the Tearling)
  2. The Invasion of the Tearling (The Invasion of the Tearling)
  3. The Fate of the Tearling (The Fate of the Tearling)

Recensione alla serie tv Victoria – stagione 1

my view of tea sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica telefilm

Buonasera cuplovers!
Oggi torniamo a parlarvi di serie tv e lo facciamo con la mini-serie Victoria. Una serie tv storica che narra la vita della regina Victoria, i suoi amori, i contrasti con il parlamento e la famiglia.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko /

Victoriavictoria-le-tazzine-di-yoko

CREATA da Daisy Goodwin
STAGIONI 1 -in corso-

Il mio voto è di tazzinaUP_ministregaDELcrepuscolotazzinaUP_ministregaDELcrepuscolotazzinaUP_ministregaDELcrepuscolotazzinaUP_ministregaDELcrepuscolo

Victoria è una bella serie, gli attori sono tutti convincenti nei loro ruoli, i costumi sono splendidi così come le ambientazioni, manca un po’ d’azione ma, trattandosi di pochi episodi, la cosa non infastidisce troppo e la serie si guarda davvero con piacere.

Victoria è giovanissima quando, all’improvviso, si ritrova regina d’Inghilterra dopo la morte della cugina. Victoria è una ragazza cocciuta, a volte un po’ infantile circondata da persone che vogliono influenzarla e manipolarla. Per sua fortuna sulla sua strada incontrerà l’affascinante lord Melbourne, ribattezzato lord M., uomo intelligente, paziente e saggio, il primo ministro che aiuterà la giovane regina nei primi mesi del suo regno.
Tra Victoria e lord M. si crea ben presto un bel rapporto di amicizia che, tuttavia, si farà molto teso quando Victoria s’innamorerà dell’uomo. Più che un amore profondo si può dire che Victoria s’infatua dell’affascinante lord e l’impressione che ho avuto guardando la serie è anche che veda in lui una figura paterna, è indubbio che, all’inizio, Victoria si appoggi moltissimo a lui per farsi consigliare, per muovere i primi passi nella sua nuova vita da regina. Ovviamente, ben presto le malelingue cominceranno a parlare…
Lord Melbourne è un bel personaggio, un uomo saggio, devastato dalla perdita della moglie che l’ha abbandonato fuggendo. Victoria, pressata dalla madre e dal tutore, decide di staccarsi da loro, rimettendoli al loro posto e scegliendo da sola a chi affidarsi, in questo caso, Lord M. Ma, se è vero che a lei poco importa dei pettegolezzi, lo stesso non si può dire per l’uomo e, ben presto, la madre e gli altri nobili correranno ai ripari cominciando a cercare un marito per Victoria.

lord-melbourne-le-tazzine-di-yokoOltre alle vicende legate alla giovane regina, la serie approfondisce anche la storia della servitù, soffermandosi in particolar modo sulla sfortunata miss Skarrett (attrice già vista in Outlander) una ragazza di buon cuore che, per aiutare la sua migliore amica, rimasta incinta e senza un marito, ha deciso di spacciarsi per lei e lavorare a corte al posto suo in modo da farle avere i soldi che le servono per mantenersi. Miss Skarrett è una ragazza dolce, intelligente, disposta a rinunciare alla sua felicità pur di aiutare l’amica. Nel corso della serie dovrà prendere una decisione difficile che, temo, non le porterà altro che tristezza… anche se spero di sbagliarmi.
La serie decolla con l’entrata in scena di Albert, giovane e affascinante cugino di Victoria. Albert è introverso, timido, romantico ma anche ribelle e per nulla incline a sottostare agli ordini di Victoria.
Victoria si innamora di lui a prima vista, mi piace molto il rapporto che c’è tra loro fatto di amore e tenerezza ma anche di scontri perché, diciamocelo, sono entrambi molto cocciuti. Albert si troverà spesso in contrasto con Victoria e, ogni tanto, anche lei replicherà con qualche bella e, in certi casi, meritata, sfuriata. I due ragazzi si compensano a vicenda, Albert, in genere è più calmo mentre Victoria è molto impulsiva. Sono tenerissimi.

Tra problemi a corte, attentati, bisticci e parenti problematici la serie si guarda con molto piacere. Manca un po’ d’azione ma se cercate una serie storica fatta bene, con splendidi costumi e bravi interpreti, Victoria fa per voi.

ATTENZIONE, DA QUI SONO PRESENTI SUL FINALE spoiler

La serie mette in luce come il principe Albert, all’inizio, si sentisse inutile. Il ragazzo si sente inferiore alla moglie, ha meno potere rispetto a lei e la cosa non gli piace per nulla e sarà un grosso cruccio per Victoria che farà di tutto per aiutarlo.
Il povero Ernest, fratello di Albert, allegro, simpatico e con la fama di grande donnaiolo s’innamora, ricambiato, di una nobildonna sposata… spetterà ad Albert intervenire prima che scoppi uno scandalo. Ernest mi piace molto come personaggio, lo trovo un po’ più allegro del fratello ma non sciocco come potrebbe sembrare. S’innamora davvero e, proprio per amore, non va a letto con l’amata consapevole che, altrimenti, le rovinerebbe la vita.victoria-e-albert-le-tazzine-di-yoko

Nella seconda parte della stagione Victoria scopre, con suo sgomento, di essere incinta. Nonostante i nobili avessero cominciato a farle pressioni affinché desse alla luce un erede, la ragazza sperava di non rimanere incinta, il che è più che comprensibile, visto e considerando che è diventata regina perché sua cugina è morta di parto.
Victoria è minuta e delicata e le possibilità che non sopravviva al parto sono concrete. Per questo dovrà di nuovo scontrarsi con i nobili per rendere Albert suo reggente anche se, in caso Victoria morisse, gli inglesi non accetterebbero mai Albert come re, in quanto tedesco. Inutile dire che, alla fine, Victoria sopravvivrà e la prima stagione si chiude con la bellissima immagine di Victoria ed Albert a letto con la loro bambina in braccio.
La serie ha un tono tranquillo non ci sono particolari colpi di scena e a movimentare la storia ci sarà solo un fallito attentato alla vita della regina ordito, probabilmente, dal duca di Cumberland, erede al trono nel caso in cui Victoria muoia senza figli.
La serie mi è piaciuta anche se ho sentito la mancanza di un antagonista ben delineato, ho apprezzato l’idea di alternare alle vicende della regina quelle della servitù e mi è spiaciuto molto per Miss Skarrett che ha dovuto rinunciare al suo amore per l’affascinante pasticciere Charles Francatelli per rimanere a corte e continuare ad aiutare economicamente l’amica.
Sono curiosa di vedere la seconda stagione e sono in dubbio se provare a vedere anche The Crown, cosa mi consigliate?

Se cercate una serie storica ben fatta, piacevole da seguire, allora date una chance a Victoria.
Se cercate suggerimenti sulla prossima serie da iniziare guardate la nostra pagina dedicata alle serie tv.

Le uscite interessanti targate Amazon Publishing e Amazon Crossing

i like it sul blog letterario de le tazzine di yoko - rubrica anteprime

Che dire… Amazon si sta muovendo proprio bene! I titoli nel suo arsenale sono interessanti e le copie hanno una buonissima qualità/prezzo. A Tempo Di Libri i loro scaffali sono stati letteralmente presi d’assalto, non siamo neanche riuscite ad arraffare una copia di ciò che volevamo! Per le loro autrici siamo sicure che la fiera deve essere stata un’esperienza straordinaria, assalite da una mandia umana che allungava copie per una dedica o arraffava libri a occhi chiusi sapendo che erano gratis.

Vi segnalo di seguito un paio di titoli che usciranno tra poco, presenti in anteprima a Tempo di Libri 🙂
Da domani sarà disponibile “La mia sfida più grande” di Terri Osburn, una storia romantica, sensuale e spassosa, che fa tornare la speranza di trovare l’amore nei luoghi più inaspettati. Il romanzo è il secondo della serie Anchor Island iniziata con “Scritto nel destino”.
nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / new adult 01 - compulsivamente lettrice - 10 biscotto new adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

La mia sfida più grande

Terri Osburn
Edito da AmazonCrossing (25 aprile 2017)
Pagine 318
€ 9,99 cartaceo – € 3,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
L’amore ti attende dove meno te lo aspetti.
Lucas Dempsey è fuggito da Anchor Island subito dopo il diploma per allontanarsi dall’isola in cui è cresciuto e dedicarsi alla carriera legale. Quando però il padre ha un attacco cardiaco, non può che offrirsi volontario per gestire il ristorante di famiglia, nonostante l’ego ancora a pezzi per colpa di Beth, la fidanzata che l’ha lasciato per il fratello maggiore.
Sid Navarro, meccanico irriverente, è lieta di mettere da parte i suoi attrezzi per aiutare i Dempsey. Finché non si rende conto che lavorerà insieme a Lucas, il suo amore segreto fin da ragazzina. Sid sa che mostrare i suoi veri sentimenti significherebbe farsi spezzare il cuore, ma la tentazione di avere Lucas nel suo letto è troppo forte per resisterle.
Dopo un inizio burrascoso, le cose tra Lucas e Sid si faranno bollenti. E a un tratto separarsi diventerà una sfida che forse nessuno dei due avrà più intenzione di vincere.

I primi di maggio uscirà il libro che speravo di prendere in fiera (T_T): “Accadde una notte d’estate” di Rosy Milicia. L’autrice -e amica blogger- ci regala un appassionante romanzo che ha il profumo dolce di una stranizza d’amuri: un incredibile viaggio delle seconde opportunità, un’irresistibile forza che presto coinvolgerà vecchi e nuovi amici… Ne nasceranno altre emozionanti storie d’amore?

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / new adult 01 - compulsivamente lettrice - 10 biscotto new adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

Accadde una notte d’estate

Rosy Milicia
Edito da AmazonPublishing (2 maggio 2017)
Pagine 265
€ 9,99 cartaceo – € 3,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
I colori intensi del mare siciliano, i suoni esotici del dialetto, il gusto delle granite al limone, il profumo di libri sfogliati e riletti all’infinito. È questo il mondo di Eva Catalano, la chiù bedda fimmina di San Saba, che tutti in paese conoscono.
La tranquilla esistenza di Eva è fatta anche e soprattutto di parole: le scrive nei romanzi che sogna di pubblicare, le compone nelle canzoni in dialetto dei Dintra ’u Focu, le custodisce nel fondo della propria anima e a volte fanno male. Quel dolore nasce dal passato e si chiama Massimo De Santis: amico di infanzia e compagno di ogni estate, il suo primo amore, uscito ormai dalla sua vita da oltre dieci anni.
Un giorno Massimo riappare: il ricordo di un bacio sarà sufficiente a riallacciare i sottili fili del loro legame?

Sempre a maggio uscirà il nuovo libro firmato da Amabile Giusti, autrice che ho letteralmente adorato in “Tentare di non amarti (la mia recensione QUI)” e che non vedo lora di ritrovare in questa nuova opera dall’aria interessante.

nel piattino abbiamo: love story 01 - compulsivamente lettrice - 6 ciambella romance sul blog letterario de le tazzine di yoko / contemporaneo 01 - compulsivamente lettrice - 8 torta contemporanei sul blog letterario de le tazzine di yoko / new adult 01 - compulsivamente lettrice - 10 biscotto new adult sul blog letterario de le tazzine di yoko

È un giorno bellissimo

Amabile Giusti
Edito da Amazon Publishing (9 maggio 2017)
Pagine 376
€ 9,99 cartaceo – € 4,99 ebook
amzn-amazon-stock-logolink diretto all’acquisto cartaceo
link diretto all’acquisto ebook

TRAMA DELL’EDITORE
Grace Gilmore, bionda diciottenne di buona famiglia, vive in un mosaico di cristallo in cui ogni tessera ha il suo posto preciso: i suoi genitori sono belli, ricchi e affettuosi, le porte dell’università di Yale si apriranno subito dopo l’estate, e un principe azzurro di nome Cedric è il fidanzato pronto a sposarla. Eppure bastano una sola notte e tre colpi bassi del destino a farle mettere in discussione tutto quel mondo.
Con i cocci delle sue illusioni in uno zainetto e i frantumi della sua vecchia vita nel cuore, Grace si ribella al suo futuro perfetto, scelto da chiunque tranne che da lei. Si lancia così in un inatteso e spontaneo road trip in giro per gli States, decisa per una volta a seguire il suo istinto e i suoi sogni.
A New York conosce il bellissimo Channing: metà latino e metà asiatico, capelli di seta e fisico mozzafiato, irriverente ma gentile. È lui il fulmine dagli occhi blu che squarcia il cielo grigio nel cuore di Grace. Dalla Pennsylvania all’Ohio, dal Kentucky all’Illinois, fino al tour sulla mitica Route 66, il destino sembra deciso a far intrecciare le strade dei due giovani. E mentre Grace imparerà a conoscere sentimenti nuovi ed emozioni autentiche – così lontane dalla sua vecchia vita –, Channing dovrà fare i conti con un tragico segreto che potrebbe spezzare il sogno di un giorno bellissimo.

Ve ne ispira qualcuno? 🙂

Pagina 1 di 32912345...102030...Ultima »

porta le tazzine nel tuo blog/sito

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 1 cuore

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 2 stella

guarda il codice

banner blog LE TAZZINE DI YOKO 3 cerchio

guarda il codice

logo LE TAZZINE DI YOKO verde logo LE TAZZINE DI YOKO giallo logo LE TAZZINE DI YOKO arancio logo LE TAZZINE DI YOKO nero
logo LE TAZZINE DI YOKO fuxia logo LE TAZZINE DI YOKO viola logo LE TAZZINE DI YOKO azzurro logo LE TAZZINE DI YOKO rosso

guarda il codice

Perchè “le tazzine di Yoko“?

Immagino che prima o poi qualcuno se lo chiederà, e probabilmente ci sarà pure chi darà una spiegazione razionale, ma la verità è che una volta costruito il tutto un nome intelligente era l’unica cosa che veniva a mancare. Pensa di qui, sbatti la testa di là. Non mi veniva in mente un qualcosa che racchiudesse tutte le tematiche che sarei andata a toccare, così mi sono detta: scegliamo qualcosa che non c’entri un tubo! Così sono saltate fuori le tazzine, un oggetto che mi affascina in tutte le sue forme e di cui faccio gran uso del suo contenuto, sia questo tè caffè o cioccolata.

le amiche tazzine