l’antro delle meraviglie

[custom_frame_center]tazzina gialla - le tazzine di yoko[/custom_frame_center]

l’antro delle meraviglie

Due anni fa mi si è presentato davanti un bel dilemma, quello di uscire io dalla camera o i miei libri e fumetti.
Lo spazio si assottiglia per noi amanti di questi due generi cartacei e ogni buco dell’armadio è sempre buono per infilarci qualcosa, ma quando lo spazio si riduce a zero che fare? Messa alle strette e dopo settimane di doloroso pensare ho fatto la cosa che mai mi ero sognata di fare: ho racconto quelli mi erano piaciuti meno e li ho infilati in cinque o sei scatoloni per portarli alle bancarelle dell’usato. Chi mi ha visto mi descrive ancora per la persona distrutta quale ero… finché non è arrivato il principe sul cavallo bianco a salvarmi.

Il mio ragazzo, mosso da somma pietà, mi ha ceduto (se così si può dire) una stanza della sua casa in campagna per costruirvi il mio antro. Il compagno di una compulsiva deve riconoscere i limiti di sopportazione e resistenza della compagna lontano dai sui fumetti e libri per cui sappiate che una cosa è certa, dopo questa me lo sposo, poco ma sicuro!

L’antro delle meraviglie è tutt’ora in continua evoluzione. Sia per tempo (dopotutto è un’oretta e mezza da casa) e per soldi si aggiunge un pezzettino quando si può.

by yoko on agosto 2008 / lo sfondo

La prima cosa che è parsa evidente è stata la mancanza di una buona mano di bianco e di un pò di colore. L’arancione chiaro mi pareva un buon colore di sfondo per quello che avevo in mente.

un nuovo colore per l'antro - le tazzine di yoko

by yoko on novembre 2008 / pennellate

Il LuccaComics appena passato mi ha fatto trovare il coraggio di provare a realizzare il primo graffito della mia vita, la paura che la povera Miwako venisse una schifezza si faceva sentire ad ogni pennelata!

by yoko on settembre 2009 / pennellate e trasferimenti

Dopo aver appurato di riuscire a disegnare su muro senza troppi problemi il gradino sucessivo è stato scegliere cosa disegnare. E’ stato uno scontro all’ultimo sangue, ma alla fine, sia per preferenza di manga sia per mia facilità nel disegnarli, sono usciti vincitori Hanakimi, Akuma de Sourou e, per far piacere al mio ragazzo, Dylan Dog.

by yoko on maggio 2010 / pennellate

Il rettangolino sotto a dilan sembrava proprio fatto a posta per arina tanemura, così ho cercato e ricercato e mi sono decisa per Haine e Ushio di Shinshi Doumei Cross.

by yoko on novembre 2011 / pennellate

Che faticaccia fare Lamù, tutta la parte vicino al soffitto l’ho fatta praticamente inventando contorsioni tra braccio e mano… però sentivo la mancanza di un classico nel mix. Ancora non ho ben in mente che altri disegnare, sicuro come l’oro che ci andrà Say “I love you”!


by yoko on gennaio 2012 / disastro scampato

Quest’anno l’inverno è stato così freddo che da ste parti si è raggiunto -12 e il galleggiante nel sottotetto si è ghiacciato e poi rotto, facendo uscire tutta l’acqua. Entrando, quando ho visto scendere l’acqua dalle scale, mi è preso un colpo, ma l’antro si è salvato con tutti i fumetti e libri al suo interno. Sembra che in quel punto il sottotetto faccia come uno scalino e tutta l’acqua è convogliata nel corridoio risparmiando le camere, secondo me qualcuno dall’alto ci ha messo una parolina buona.

by yoko on luglio 2012 / in costruzione

L’aver iniziato a lavorare ha fatto si che durante le ferie avessi un pò di fondi da sfruttare. Di buzzo buono mi sono messa lì con autocad e metro alla mano e ho buttato giù gli schizzi per una libreria con scrivania incorporata, poi sono andata a farmi tagliare le tavole della misura giusta e mi sono fatta dare una mano coi vari tasselli (io e il trapano non andiamo molto d’accordo purtroppo). E …tadan! Penso che posso dire di essere soddisfatta del risultato =)

…e visto che c’ero sono andata un pò avanti anche con Yuki e Kaname.

by yoko on novembre 2012 / pennellate

Il LuccaComics ha fatto si che abbia praticamente letto fumetti per tutto il weekend, mi sono giusto staccata per completare (tanto per rimanere in tema) Yuki e Kaname sul muro del mio antro… anche se mi sa che non sono riuscia a rendere bene la sua solita espressione seriosa e distaccata T_T

by yoko on marzo 2013 / pasqua sotto l’acqua

Rinchiusa forzatamente in casa mi sono rimboccata le maniche. Avevo un pò di scatoloni di fumetti da mettere al loro posto e ora i posti vuoti si contano sulla punta delle dita. Poi ho provato a cambiare l’espressione di kaname (che non era proprio da kaname!) senza fare un danno e ho steso una prima passata per il prossimo disegno, ho optato per Lovenista della Kayono =).
Non sono ancora soddisfatta al 100% di Kaname, ma credo che meglio di così non riuscirò a fare senza fare un vero e proprio disastro!

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *