l’angolo del te

[custom_frame_center][/custom_frame_center]

Dopo l’antro delle meraviglie ecco arrivare in casa L’ANGOLO DEL TE.
Potevo non dedicare dello spazio alla mia passione per tazze e tazzine? No, ovviamente.

Non avendo più stanze disponibili mi sono dovuta accontentare del corridoio, ha una piccola rientranza con una finestrella che fa proprio al caso mio *-*
Già lo immagino finito. Vorrei una bella piattaia in legno per le mie tazzine, le pareti di mattoni e un tavolino con relativa seggiolina per prendere il te.

Ovviamente per raggiungere il risultato voluto ce ne vorrà di olio di gomito, ma sono una che non è abituata a tirarsi indietro 😉

by yoko on febbraio 2014 / mattoni e insegne

Per prima cosa mi sono occupata dei mattoni. Ne ho trovati di bellissimi finti, senza dovermi dannare a metterne di veri. Si, lo so, all’inizio ero terribilmente scettica pure io. Quando li ho arrotolati attorno a un dito mi è preso male, ma hanno reso davvero benissimo!

Fare l’arcata esterna sarà da ridere ahah

Altra cosa fondamentale sono le scale… ho gradi progetti per le scale!
Non so in quanti possano ricordarselo, ma settimane fa ho postato sulla nostra pagina facebook delle scale bellissime e ho tutta l’intenzione di riprodurle. Avevano una pedata in legno e nell’alzata riproducevano le costine di libri.
Quindi prima cosa a cui pensare: la pedata! Finchè rimaniamo sul rettangolare nessun problema, l’angolo farà dannare purtroppo.

Ho anche avuto un piccolo regalino extra per inaugurare il mio angolino 😀 una targhetta in stile saloon da appendere!

Tutti piccoli passi verso la realizzazione finale.

Chissà… forse dovevo fare l’allestitrice d’interni nella vita, mi piacciono questi lavori manuali.

by yoko on maggio 2014 / scale e alzate a costine di libri

Nuovo appuntamento con le disavventure della vostra fonder Yoko e la realizzazione delle sue scale con costine libresche per l’angolo del te 😉

disposizione alzate - l'angolo del te le tazzine di yokoScegliere le costine dei libri che andranno nella scala è stato difficilissimo, lotta dura tra i miei titoli preferiti che sgomitavano letteralmente per guadagnarsi un posto d’onore. Alla fine sono dovuta scendere a patti e ho deciso di mettere una costina per ogni genere letterario. Stando attenta a sposare bene i colori ho scelto di mettere:

  • storicoLa straniera _Gabaldon
  • urbanfantasyTwilight _Meyer
  • fantascienzaDune _Herbert
  • paranorlmalromanceFourth Grave beneath my feet _Jones
  • romanceSognando te _Kleypas
  • young adultHarry Potter e il calice di fuoco _Rowling
  • fantasyIl Signore degli anelli _Tolkien
  • classiciOrgoglio e Pregiudizio _Austen
  • horrorThe Dome _King

Che dite sono state buone scelte?

La messa in opera di questa pazzia è inizata con la realizzazione della costina di twilight, un pò arrangiata per renderla più colorata.
Il primo tentativo, si sa, è sempre un pò alla cieca. Dubbi infiniti su spessore del supporto e supporto stesso (qui ringrazio Pamela che mi è stata utilissima, grazie!), colori e fissativo.

realizzazione costina twilight - le tazzine di yoko scritte finite per la costina di twilight - le tazzine di yoko le mani sulla costina - le tazzine di yoko costina twilight terminata - le tazzine di yoko

Momenti di panico nel dare il fissativo, stendendolo sulla tavola il nero è diventato un azzurroblu O_O !!
stesura finitura twilight - le tazzine di yokoDopo tutta la fatica fatta mi è preso un colpo, però asciugando è tornato normale per fortuna…. ho perso anni di vita.

costina twilight applicata - le tazzine di yoko

Posso dirmi soddisfatta del risultato ^_^ ….ora si va alla volta delle altre costine!

by yoko on giugno 2014 / un’altra alzata per la mia scala

La mia pazzia di voler realizzare una scala a costine non è ancora naufragata e sta andando avanti portandomi via il tempo un pò dove trova.
quarto gradino finito - le tazzine di yoko
Dopo “Twilight” è stata la volta di “Fourth Grave Beaneath my Feet” della Darynda Jones di fare la sua comparsa tra gli scalini. il titolo - le tazzine di yokoPer sposare bene tutti i colori che ho in mente mi occorreva qualcosa con molto bianco e una delle mie serie preferite (aimè interrotte in Italia) è capitata proprio a fagiolo ^_^.

Non è la costina originale, ma una arrangiata da me sulla cover del libro uscita per la versione ebook (a mio parere tremila volte più bella di quella scelta per il cartaceo!).

il titolo a meta - le tazzine di yoko inizio scarpe - le tazzine di yoko
titolo e calze - le tazzine di yoko

La cosa più difficile?
I teschi sulle scarpe!!!!
Mamma mia, mi hanno fatto diventare scema, non mi riuscivano come volevo e continuavo a correggerli… penso che se non mi avessero fermato sarei ancora lì ahah

le due costine montate - le tazzine di yokoC’è stato poi l’incidente 🙁 Finito il gradino vado per posizionarlo e…. NON CI ENTRA! Momento di depressione in cui mi sarei voluta sotterrare per non averlo provato prima ed essermi fidata delle misure prese.
Il mio ragazzo l’ha rifilato da un lato (grazie, lo so che sembravo pronta a linciarti con un accetta in mano se avessi sbagliato qualcosa xD) e ho dovuto rinunciare a un pezzettino di scarpa, se confrontate l’immagine in verticale in alto a destra con questa sotto si vede. Che peccato.

E con questa siamo a due costine, la prossima in lista è “La Straniera” di Diana Gabaldon!

fourth finito - le tazzine di yoko

Alla prossima pennellata 😉

by yoko on dicembre 2014 / “La straniera” non poteva mancare nella mia scala a costine!

Il progetto per la mia scala a costine continua ad essere in lavorazione e da pochi giorni si è arricchito di una nuova alzata. Finita e applicata sopra alle altre due già completate.

La costina de “La straniera” della Gabaldon ovviamente non poteva mancare, e le ho pure dato un posto d’onore lì in alto come alzata del primo gradino a scendere. Quando si sale la scala si vede subito!

alzata la straniera 1 - le tazzine di yoko  alzata la straniera 3 - le tazzine di yoko  alzata la straniera 4 - le tazzine di yoko  alzata la straniera 5 - le tazzine di yoko

scala con alzata 3 - le tazzine di yokoTra le varie edizioni mi sono ispirata alla primissima della Corbaccio, quella a cui sono più affezionata. Ha la copertina sul blu con la foto di un castello scozzese e lo stemma. Ovviamente quest’ultimo è stato la parte più difficile da realizzare.
Il giallo veniva assorbito dal blu sottostante e non c’erano niente da fare, alla fine ho dovuto optare per fargli un fondino bianco e darci poi sopra il giallo.

Ora sono indecisa su quale costina iniziare…mm…. quella di Dune o quella di The dome di Stephen King?

alzata la straniera - le tazzine di yoko

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *